Notizie

ELEZIONI RSU: RISULTATO STORICO 2777 VOTI IL 32% IN PIU' RISPETTO ALLE PRECEDENTI ELEZIONI

ELEZIONI RSU: 2777 VOTI. IL 32% IN PIU’ RISPETTO ALLE PRECEDENTI ELEZIONI CON UN INCREMENTO IN TERMINI NUMERICI DI 700 VOTI.  UN SUCCESSO PER LA FEDERAZIONE UIL SCUOLA RUA CHE VA OLTRE OGNI PIU’ ROSEA ASPETTATIVA.

 Grazie Grazie Grazie

     Oggi la Federazione Uil Scuola Rua è un sindacato forte, riconosciuto con un radicamento nelle scuole che non ha precedenti nella storia delle relazioni sindacali della nostra provincia.

    Abbiamo incrementato il consenso del 32% con 673 voti in più rispetto alle elezioni del 2015 per un totale di 2777 voti.

    Nessuno nella storia sindacale della nostra provincia ha mai avuto un incremento di questa entità. Un risultato che va oltre ogni più rosea aspettativa.

    Io e il mio gruppo dirigente avevamo la consapevolezza di aver lavorato bene in questi anni, dando una prospettiva innovativa al modo di fare sindacato.

    Siamo stati in grado di costruire una rete nelle scuole, fatta di uomini e donne, che con il loro impegno, la loro dedizione, il loro farsi portatori di quel modo innovativo di fare sindacato, ha consentito di raggiungere questo strepitoso consenso.

    Un Grazie, non di circostanza ma sentito va da parte della mia Segreteria a tutte le candidate e candidati che hanno permesso questo risultato. A tutti loro indistintamente che sono l’ossatura della nostra organizzazione all’interno di ogni singola scuola. Le nostre sentinelle, come amo dire, sempre pronte a evidenziare le criticità e a consentire al nostro sindacato interventi mirati in grado di ripristinare la dovuta serenità sul posto di lavoro coniugando come è giusto che sia diritti e doveri.

    Oggi il mondo della scuola, così come dimostrano gli ultimi fatti di cronaca, ha bisogno di riprendersi quella dignità che gli spetta nella società. Noi abbiamo sostenuto e continueremo a farlo fino allo sfinimento che non esistono verticalità nelle scuole, non esistono catene di comando o qualcuno a cui è stata conferita una stelletta. Esiste solo ed unicamente la collegialità ed è di questa forza, la collegialità, che dobbiamo rimpadronirci.

    Oggi abbiamo incrementato le nostre RSU sul territorio in modo esponenziale e in molte scuole eletto due Rsu su tre. In alcuni casi eletto tre Rsu. Soprattutto questo, oltre i numeri, è il fatto importante. Un radicamento capillare nelle scuole che è il volano dell’azione sindacale.

    Un Grazie dunque di cuore a tutti i candidati, agli eletti cui spetta un impegno all’altezza delle aspettative sempre con il nostro supporto costante e capillare, ai membri di Commissione elettorale, agli scrutatori che hanno profuso il loro impegno in questi 4 giorni anche oltre il loro orario di servizio.

    Un Grazie alla mia Segreteria provinciale con cui abbiamo costruito insieme in questi anni questo bel sindacato, passo dopo passo e, permettetemi di dirlo, con grande sacrificio personale.

    Un Grazie ai nostri collaboratori che operano sulle 4 zone della provincia, ad ognuno di loro in modo particolare e personale, senza il cui prezioso e insostituibile lavoro e la loro assistenza continua ai nostri iscritti non sarebbe stato possibile alimentare quella rete che ha permesso questo magnifico risultato. A loro rivolgo il mio caloroso Grazie.

    E Infine un GRAZIE, il più importante, agli iscritti che sono sempre i veri protagonisti di questa fantastica avventura che hanno saputo coinvolgere altri lavoratori non iscritti e consentire questo storico risultato.

 Roberto Garofani

COMPARTO ISTRUZIONE E RICERCA: FIRMATO DEFINITIVAMENTE IL CONTRATTO

19 APRILE 2018: DOPO 8 ANNI IL CONTRATTO TORNA AD ESSERE CENTRALE NELLA REGOLAMENTAZIONE DELLE RELAZIONI SINDACALI E NEI RAPPORTI DI LAVORO. IL COMUNICATO UNITARIO IN ALLEGATO

Vengono superati gli aspetti più invasivi e deleteri della “legge Brunetta” e della legge 107. Attraverso la contrattazione nei luoghi di lavoro sarà stabilito l’utilizzo di tutte le risorse del salario accessorio, ivi comprese le risorse destinate alla valorizzazione professionale come ad esempio il bonus, riconoscendo così pienamente la disciplina per via negoziale del rapporto di lavoro nei suoi aspetti retributivi. Questo contratto riporta alla normalità modi e tempi delle relazioni sindacali; ora si dovrà dar seguito, in tempi brevi, alle sequenze contrattuali sui problemi rimasti aperti riguardanti l’ordinamento professionale, i sistemi di classificazione professionale, le carriere, i profili Ata, le sanzioni disciplinari dei docenti. Ma soprattutto andrà avviata a breve la trattativa del nuovo Contratto 2019-21 per il quale la FLC CGIL, Cisl FSUR e Uil Scuola Rua chiederanno da subito al futuro governo di stanziare le risorse necessarie a partire dalla prossima legge di bilancio. Questo contratto rappresenta un passo importante, fondamentale, per ridare certezze e dignità a più di un milione di lavoratrici e lavoratori che operano nelle scuole, nelle università, negli enti di ricerca e nell’AFAM che, al pari degli altri lavoratori pubblici, sono stati ingiustamente penalizzati in questi anni. Si consegna alle Rappresentanze Sindacali Unitarie, le cui elezioni si stanno svolgendo proprio in queste ore, l’opportunità di un forte protagonismo nella contrattazione. Adesso le amministrazioni procedano subito alla liquidazione degli arretrati e all’adeguamento degli stipendi attesi da oltre 1,2 milione di lavoratori. Noi proseguiremo la nostra azione puntando sul protagonismo delle lavoratrici e dei lavoratori e sulle RSU che coinvolgeremo in ogni passaggio dell’attuazione delle sequenze contrattuali e sulla piattaforma del CCNL 2019-2021. 

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL (1).doc)INFORMATICONUIL (1).doc

CONTRATTO SCUOLA: VIA LIBERA DALLA CORTE DEI CONTI

IL 19 APRILE STIPULA DEFINITIVA ALL'ARAN

Il testo firmato a febbraio diventa pienamente efficace. Buona notizia nel primo giorno di elezioni Rsu. Ora gli aumenti nelle tasche delle persone. Turi (Uil Scuola): inaccettabili i tempi di attesa (70 giorni) per arrivare alla conclusione dell’iter di approvazione.  Vera riforma di struttura dovrebbe essere riduzione dei tempi della burocrazia non più vicini a tempi società reale.

CORSI DI LINGUA INGLESE B1 E B2

I CORSI SI TERRANNO IN SEDE CON ESPERTI MADRELINGUA. COSTI RIDOTTI PER ISCRITTI UIL SCUOLA. IN ALLEGATO LA LOCANDINA E LA SCHEDA DI ADESIONE

La Uilscuola di Frosinone e l’IRASE Frosinone, insieme a Campus Academy, organizzano un corso, in presenza, di lingua inglese B1 e B2.

IL CORSO SARÀ TENUTO ANCHE CON ESPERTI MADRELINGUA. IL COSTO PER GLI ISCRITTI UIL SCUOLA E’ DI 230,00 EURO (450,00 EURO PER I NON ISCRITTI). IN BASE AL NUMERO DELLE ADESIONI SI PREVEDE L’ATTIVAZIONE DEI CORSI A FROSINONE, SORA E CASSINO. SI CHIEDE A TUTTI GLI INTERESSATI DI INVIARE LA SCHEDA DI ADESIONE ENTRO E NON OLTRE IL 30 APRILE. PRIMA DELL’ATTIVAZIONE DEL CORSO VERRA’ INDICATA LA SEDE DI SVOLGIMENTO. 

In allegato la scheda di adesione da inviare, insieme a copia del bonifico, entro il 30 APRILE 2018 alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ,  o al fax 0775854067. 

Il bonifico deve essere effettuato al seguente iban intestato a Campus Academy: IT82T0200815102000103008288, con causale “Corso di lingua inglese”

DIPLOMATI MAGISTRALI: RICORSO IN CASSAZIONE

TURI: AZIONE GIURIDICA E' PARTE DEL NOSTRO IMPEGNO PIU' AMPIO PER GARANZIA DI DIRITTI. IN ALLEGATO LA NOTA DELLA UIL SCUOLA 

E’ stato depositato in Cassazione il ricorso della Federazione Uil Scuola Rua  dopo la sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato che, lo scorso 20 dicembre, ha escluso dalle GAE gli insegnanti che hanno un diploma magistrale. Sappiamo che l’azione giudiziaria promossa innanzi alla Cassazione non  potrà essere di per sé risolutiva e  si renderà necessaria un’azione politica  - sottolinea il segretario generale della Uil Scuola Rua, Pino Turi. Occorre un intervento che riporti in un quadro complessivo di equità, il riconoscimento dei diritti dei docenti magistrali che, da anni, stanno garantendo la continuità della funzione dello Stato, in termini di diritto allo studio degli alunni. L’azione giudiziaria, pertanto, va letta in un ottica di contrasto, sul piano giuridico, delle motivazioni addotte dal Consiglio di Stato. Nell’incontro fissato per il 20 aprile avanzeremo le nostre proposte di soluzione. Ciò in attesa che si costituisca il nuovo Governo a cui spetta il compito di trovare, attraverso il confronto sindacale, la soluzione condivisa con il mondo della scuola e non in danno ai lavoratori. Non riteniamo in alcun modo percorribile una soluzione che, in esecuzione della decisione dell’Adunanza Plenaria, possa anche lontanamente immaginare di licenziare o rimuovere dal proprio posto di lavoro migliaia di docenti. Restano molte questioni aperte che intendiamo portare all’attenzione del Governo che andrà a formarsi – aggiunge Turi - per ristabilire situazioni di equità che la legge 107 che si era prefissa di risolvere e che restano ancora irrisolte. Non più procrastinabile è una soluzione per i docenti di religione cattolica vincitori del concorso del 2004 e con 36 mesi di servizio: all’interno della fase ordinaria bisognerà prevedere una procedura concorsuale per questo personale, applicando le stesse regole e gli stessi principi già previsti per il concorso riservato relativo al personale abilitato per il reclutamento nella scuola secondaria. Si potrebbe così sanare una situazione di palese ingiustizia, visto che il vincolo dei 36 mesi di servizio previsti dalla Legge 107 ricade anche su questo personale. In questo quadro, appare opportuno considerare la posizione di tanti assistenti amministrativi che da decenni svolgono mansioni di DSGA ed avrebbero diritto, al pari delle altre figure, a percorsi dedicati al superamento dello stato precario in cui sono compresi. 

ELEZIONI RSU: APPELLO AL VOTO PER LA FEDERAZIONE UIL SCUOLA RUA

cara/o iscritta/o e simpatizzante

Come è noto nei giorni 17, 18 e 19 aprile sarai chiamato a votare nella tua scuola per il rinnovo della RSU. Per la Uil Scuola è un momento importante che darà la misura di quanto il nostro sindacato sia radicato sui posti di lavoro.  

L’appuntamento è ancora più importante perché si determina la rappresentanza che come puoi immaginare è quella che consente di avere una sempre più ampia operatività e consistenza di addetti nelle scuole e nei nostri uffici di consulenza.  

In questi anni abbiamo costruito un sindacato in continua espansione in termini di iscritti e per operatività. Anche se non ci appassiona la gara dei numeri possiamo dire che con tutta probabilità siamo il primo sindacato in provincia di Frosinone. Certamente per serietà, dedizione e competenza non siamo secondi a nessuno.  

Oggi vorremmo confermare la nostra crescita, come già avvenuto nelle precedenti consultazioni del 2015, e per farlo c’è bisogno che tutte le nostre forze siano unite.  

Occorre che ogni iscritto e simpatizzante oltre che garantire il proprio voto si faccia portatore di consenso presso colleghi e amici.

Ci siamo sforzati di mettere in campo liste di spessore che abbiamo costruito con fatica e le abbiamo presentate con il simbolo FEDERAZIONE UIL SCUOLA RUA in tutte le scuole della provincia. 

Vogliamo assumere con forza l’impegno quali garanti della costruzione di processi contrattuali all’interno delle singole istituzioni scolastiche, all’insegna della trasparenza e della lealtà verso i lavoratori.

Il nuovo contratto nazionale (che stiamo spiegando nelle assemblee e che continueremo a spiegare con il prossimo anno scolastico) offre un ruolo di primissimo piano ai lavoratori e dunque alle Rsu, per la costruzione di un contratto d’istituto funzionale ai reali interessi della singola scuola e del suo personale.

Con il nuovo contratto abbiamo interrotto la deriva verticistica che la legge 107 aveva voluto imporre. Ma oggi il vero protagonismo deve essere di tutto il personale scolastico e il sindacato deve farsi interprete di un’evoluzione culturale e politica nelle relazioni sindacali, per affermare quel protagonismo, senza tentennamenti e con la schiena dritta.

Le Rsu vogliamo che siano il tramite di tale processo, gli occhi e le orecchie, le sentinelle di tutto ciò che accade nella scuola per consentire alle nostre strutture sindacali di intervenire adeguatamente, sanare conflitti, favorire la dovuta serenità sul posto di lavoro e andare giù duramente quando i diritti vengono lesi.

Per queste ragioni e per molte altre vi chiediamo il voto, per alimentare e costruire quel sindacato del futuro che stia sempre con i piedi per terra NELLE SCUOLE E TRA LA GENTE come recita il nostro slogan.

Un abbraccio sincero e l’augurio che la giornata del 20 aprile, allorché ci sarà lo spoglio delle schede elettorali, sia un giorno di soddisfazioni per tutti noi.

Viva la Uil Scuola                                                            

        Roberto Garofani

ORGANICI: REPORT DELL'INCONTRO PRESSO USR LAZIO

IN ALLEGATO I DATI FORNITI

Si è svolto in data 09/04/2018 un incontro con il Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio, riguardante, in particolare, gli organici del personale docente.e CO.CO:CO In allegato, la documentazione consegnataci.  

PERSONALE Docente. La documentazione contiene i numeri relativi al personale docente, con la distinzione tra posti ordinari e posti di potenziamento. Anche qui, afferma l'Ufficio, senza tuttavia fornire tabelle di raffronto, che, a fronte della sopra indicata diminuzione della popolazione scolastica, si registra una diminuzione di personale rispetto all'organico di diritto dello scorso anno. Prevalentemente nella scuola dell'infanzia per la provincia di Frosinone e Roma. Mentre per la primaria, media di primo e secondo grado rimane invariato rispetto all'a.s precedente. I dati relativi agli organici del Lazio risultano aggiornati al 29/03/2018  

CO.CO.CO

I dati forniti sono i seguenti: 14 FR   2 LT  14 RI   58 RM   I posti dei CO.CO.CO saranno accantonati sia fini dell'organico che della mobilità. Attualmente da quanto comunicatoci in merito al concorso degli stessi,non si capisce se la valutazione sarà fatta a livello Nazionale o Regionale

FATTI DI CRONACA FRUTTO DI MESSAGGI E POLITICHE SBAGLIATE. SERVE INVERSIONE DI TENDENZA

TURI: AD ATTI DI VIOLENZA SI RISPONDE CON LA PARTECIPAZIONE E LA DEMOCRAZIA

I fatti di cronaca sono effetto della politica sbagliata. Serve un’inversione di tendenza. Quando si trasforma la scuola della Costituzione in un servizio a domanda individualizzata, basato su un modello aziendalista, e i clienti del servizio ritengono di avere un diritto, se non sono soddisfatti, reagiscono anche in questo modo.
Così il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, interviene sui fatti di cronaca che, purtroppo, continuano a susseguirsi. Episodi gravi di insegnanti aggrediti da studenti e genitori, segno di un modello di scuola che non risponde più alla sua funzione essenziale. I genitori non sono clienti da accontentare – afferma Turi. La deriva è iniziata quando sono stati ignorati i valori fondanti dei decreti delegati degli anni ‘70. A partire dagli anni ‘90 in poi si è cercata una connotazione diversa per la scuola. Ora bisogna ridarle dignità. E non si tratta solo di dare dei soldi ai nostri insegnanti.  I soldi sono importanti – aggiunge - ma pensare che siano l’unico obiettivo è un errore.  Ridurre la funzione insegnante a prodotto da erogare sul mercato è cosa alla quale non intendiamo né pensare, né rassegnarci. Siamo fortemente contrari al modello proposto dalle logiche neo liberiste. L’obiettivo principale è ridare ai docenti, e la personale tutto, la dignità persa anche a causa della legge 107. Nell’età evolutiva il bambino vede nella maestra la figura di cui fidarsi. Se la figura viene screditata dalla scuola e dalla società quel bambino avrà poi delle difficoltà da adulto. Serve un rapporto più forte tra scuola e famiglia, ci vuole consenso e fiducia nei confronti della scuola. E invece in questa fase la scuola è stata trasformata in un’agenzia con una finalizzazione: trovare il lavoro agli studenti. La scuola statale ha una funzione molto più ampia – quella richiamata dalla Costituzione che le affida il ruolo  di garanzia dei diritti universali,  non quello di soddisfare esigenze immediate o lobby interessate. Ha la funzione di garantire un insegnamento libero, portare ad un pensiero critico. Bisogna decondizionare i messaggi. La scuola è capace di farlo ma ci vuole la collaborazione di tutti, non può essere lasciata sola. Deve sentire un paese che le dà il riconoscimento che merita.

EDUCATORI: TUTELA LEGALE GRATUITA

PER IL RICONOSCIMENTO DEL VALORE ABILITANTE PER IL PASSAGGIO ALLA SCUOLA PRIMARIA E PER IL MANTENIMENTO DEL "BONUS" DOCENTI ILLEGITTIMAMENTE SOSPESO DOPO L'ESITO POSITIVO DEL NOSTRO RICORSO AL TAR

Come anticipato dal Segretario generale, Pino Turi, nel corso dell'incontro con le RSU del 23 marzo scorso a Fiuggi, la Segreteria nazionale, dopo aver esperito ogni tentativo per via amministrativa, ha deciso di tutelare gratuitamente il personale educativo iscritto alla Uil Scuola sostenendo i ricorsi a favore dei vincitori del concorso del 2000, ai fini del riconoscimento del valore abilitante per il passaggio nella scuola primaria, e per il mantenimento del "Bonus docenti", illegittimamente sospeso dopo l'esito positivo del nostro ricorso al TAR Lazio. In allegato la nota esplicativa dell'azione che si intende intraprendere e la documentazione da predisporre per il ricorso.

ORGANICI: INACCETTABILE CHE MEF NEGHI INVESTIMENTI SUL PERSONALE

INTERVENTO DEL SEGRETARIO NAZIONALE PASQUALE PROIETTI: IL MIUR CONTINUA CON LA POLITICA DELLA CALCOLATRICE E  DEI TETTI

Uil: va fotografata la situazione dell’organico delle regioni del Sud, senza tagli, e incrementati i posti nelle realtà in cui la popolazione scolastica è in aumento. Per raggiungere questo obiettivo e per dare risposte anche al personale con 36 mesi di servizio,  bisognerebbe avere il coraggio di eliminare l’organico di fatto. Lo chiederemo al prossimo Governo.

 

E’ un giudizio negativo quello che la Uil Scuola esprime dopo la pubblicazione della circolare sugli organici,  da parte del Ministero dell’Istruzione. Un  impianto che non convince la Uil – sottolinea il segretario nazionale, Pasquale Proietti, che da sempre segue tali questioni. Questo il quadro d’insieme presentato:

 

-        3.530 posti comuni da consolidare in organico di diritto: pochi, a fronte dei 150 milioni definiti nella legge di Bilancio 2018 e oggetto dell'accordo del 22 dicembre 2017.

 

-        800 degli attuali 48.812 posti dell'organico di potenziamento saranno destinati  all'Infanzia.  Solo una operazione algebrica di spostamento dalla scuola secondaria.

 

-        1.162 posti aggiuntivi per la riforma degli Istituti Professionali molti destinati  agli ITP

 

-        Incomprensibile la scelta di non stabilizzare i posti di sostegno. Ogni anno vengono attivati posti in deroga, circa 50.000, per consentire il corretto funzionamento delle scuole, quindi posti necessari che andrebbero pertanto stabilizzati.

 

Per onorare l'intesa della mobilità del 22 dicembre, che  prevede di facilitare i rientri dei docenti – mette in chiaro Proietti -  non si può tagliare al Sud.  Con la politica dei ‘tetti predefiniti’ a livello nazionale non si risolvono i problemi delle scuole.  Per la UIL va fotografata la situazione relativa all'attuale organico delle regioni del Sud, senza tagli, e nello stesso tempo occorre incrementare i posti nelle realtà in cui la popolazione scolastica è in aumento. Per raggiungere questo obiettivo e per dare risposte anche al personale con 36 mesi di servizio,  bisognerebbe avere il coraggio di eliminare l’organico di fatto che alimenta il precariato. Bisogna invertire la politica fatta con la calcolatrice e fare scelte che guardino al funzionamento del sistema che è caratterizzato da diseconomie e sprechi se solo si pensa ai ricorsi persi dall’amministrazione per la reiterazione seriale dei contratti a tempo determinato. Lo chiederemo  - sottolinea Pasquale Proietti - al prossimo governo.  Solo così si pone fine al precariato e si garantisce la continuità didattica.

ORGANICI PERSONALE DOCENTE: INCONTRO AL MIUR ASSOLUTAMENTE DELUDENTE. IL GIUDIZIO NEGATIVO DELLA UIL SCUOLA

IN ALLEGATO IL REPORT. ANCHE SUI LICEI MUSICALI IL MIUR HA DECISO DI DELEGARE ALLA MAGISTRATURA. PER ONORARE L'INTESA  DELLA MOBILITÀ DEL 22 DICEMBRE CHE  PREVEDE DI FACILITARE I RIENTRI DEI DOCENTI, NON SI PUÒ TAGLIARE AL SUD. CON LA POLITICA DEI "TETTI" PREDEFINITI A LIVELLO NAZIONALE NON SI RISOLVONO I PROBLEMI DELLE SCUOLE. RESTA IL GIUDIZIO NEGATIVO DELLA UIL SCUOLA

E' proseguita oggi al MIUR l'informativa sugli organici del personale docente per l'a.s. 2018/19. Nessuna novità rispetto all'incontro precedente, resta il quadro già illustrato nel precedente incontro: 3.530 posti comuni da consolidare in organico di diritto, 800 degli attuali 48.812 posti dell'organico di potenziamento saranno destinati all'Infanzia, 1.162 posti aggiuntivi per la riforma degli Istituti Professionali molti destinati agli ITP, il numero degli alunni calerà di circa 21.000 unità (-90.000 nell'ultimo triennio). Inaccettabile, per la UIL,  che il MEF neghi di investire. Resta il giudizio negativo della UIL Scuola

 

ANTICIPAZIONE DI UN ARTICOLO DEL PROF. LIMONE CHE VERRA' PUBBLICATO SI ITALIA AGGI

PICCOLO BREVIARIO LESSICALE. LA SCUOLA ITALIANA VIVE DA ALCUNI DECENNI UNA SITUAZIONE PARADOSSALE. PIÙ CRESCONO I PROVVEDIMENTI COSIDDETTI RIFORMATORI PIÙ CRESCE LA CRISI D’IDENTITÀ DEL DOCENTE. ECCO UN PICCOLO BREVIARIO LESSICALE.

Giuseppe Limone 
Professore Ordinario di Filosofia della politica e del diritto, Seconda Università degli Studi di Napoli, Dipartimento di Giurisprudenza.

1. Rapporto docente-allievi

Di anno in anno, di ciclo in ciclo, gli insegnanti devono relazionarsi con bambini e adolescenti di ogni ordine e grado che arrivano nelle classi sempre più fragili e disorientati, molto spesso privi di valori di riferimento e anche di adulti di riferimento. Le famiglie, spesso in crisi o assenti, delegano alla scuola e agli insegnanti compiti che prima erano assolti dalla famiglia stessa. I genitori oscillano, così, fra l’essere assenti e l’essere iper-invadenti.

2. Il docente

Il docente scopre, a un certo punto, di essere solo l’ingranaggio di una macchina organizzativa fatta di moduli, orari, tempi e spazi per le lezioni. Da quando varca la soglia della scuola egli, pur pronto a far lezione, si sente configurato solo come uno che si relaziona con i cosiddetti stake holders (così si chiamano nella neolingua scuolese i portatori di interessi): le famiglie degli alunni, la comunità, il territorio. Il docente, da un lato, ha un essenziale compito civile, e, dall’altro lato, sente che non gli viene riconosciuto. Insomma tutti lo reclamano ma nessuno se lo fila. Se dovessimo assegnargli un ruolo in commedia, l’insegnante sarebbe il grillo parlante con il ben noto finale.

3. L’insostenibile incongruenza delle riforme

Il grande gioco della scuola è una sorta di copione immutabile. Tutti hanno provato a modificarlo tentando di metterci le mani. Dalla fervida fantasia che ha ispirato il genere degli spaghetti western è  nata la figura del preside-manager (per non dire il preside-sceriffo). Si tratta di una figura puramente manageriale, che ha perso ogni rapporto con la didattica. Ma essa, da sola, non bastava a costruire il copione, così sono nati gli ambiti territoriali, l’ organico dell’autonomia, il potenziamento. Riforme e controriforme tuttavia non hanno minimamente intaccato quello che in fondo è, e rimane, l’essenza intima di questo lavoro: il rapporto di apprendimento.

Leggi tutto...

INTERVISTA A PINO TURI PUBBLICATA SU ORIZZONTE SCUOLA

SCHIAFFI E PUGNI AI PROF. FRUTTO DI POLITICHE SBAGLIATE, AUMENTO STIPENDIO PRIMO RISARCIMENTO, NESSUNA SANZIONE PER CHI NON PARTECIPA CORSI AGGIORNAMENTO

Insegnanti aggrediti da studenti e da genitori, scuola sempre più vista come un grande ufficio pubblico che riceve clienti soddisfatti o insoddisfatti, con le annesse conseguenze del caso. Burocrazia sempre più asfissiante, riconoscimento economico non adeguato alla funzione docente. Sullo sfondo le incertezze legate all'avvio della legislatura e all'avvento della nuova compagine governativa. Come sarà il futuro della scuola e degli insegnanti dopo le delusioni della Buona scuola? Lo abbiamo chiesto a Pino Turi, segretario nazionale della Uil Scuola. 

Professor Turi, schiaffi e testate di genitori e studenti contro gli insegnanti malpagati sono ormai all'ordine del giorno. I fatti di cronaca raccontano la scuola come un teatro di guerra. Che cosa sta succedendo?

"I fatti di cronaca sono effetto della politica sbagliata e quindi serve un'inversione di tendenza. Quando si trasforma la scuola della Costituzione in un servizio a domanda individualizzata basato su un modello aziendalista, i clienti del servizio se non sono soddisfatti reagiscono in questo modo".

Quando è iniziata questa deriva?

"La deriva è iniziata quando sono stati ignorati i decreti delegati degli anni '70. A partire dagli anni '90 in poi si è cercata una connotazione diversa per la scuola. Ora bisogna ridarle dignità. E non si tratta solo di dare dei soldi ai nostri insegnanti…".

I soldi sono importanti, la dignità passa anche per lo stipendio.

"I soldi sono importanti ma pensare che siano l'unico obiettivo è un errore. Che i docenti siano sottopagati è un dato. Ma l'obiettivo principale è ridare ai docenti la dignità persa anche a causa della legge 107. Nell'età evolutiva il bambino vede nella maestra la figura di cui fidarsi. Se la figura viene screditata dalla scuola e dalla società quel bambino avrà poi delle difficoltà. Serve un rapporto più forte tra scuola e famiglia, ci vuole consenso nei confronti della scuola. E invece in questa fase la scuola è stata trasformata in un'agenzia finalizzata a trovare il lavoro agli studenti. La scuola ha una funzione molto più ampia che non quella di soddisfare esigenze immediate. Ha la funzione di portare a un insegnamento critico, specie in un momento in cui la tecnologia sta sopravanzando la personalità umana. Bisogna decondizionare i messaggi: come fa un ragazzo a sapere se è una notizia è una notizia vera o una fake? Chi lo fa? I media no perché sono il problema. Le famiglie non lo fanno. L'unica agenzia è la scuola".

Lo fa?

"La scuola è capace di farlo ma ci vuole la collaborazione di tutti, non può essere lasciata sola. Deve sentire un paese che le dà il riconoscimento che merita. Da un sondaggio di Demos sugli italiani e lo Stato viene fuori che la scuola nostra scuola si posiziona al terzo posto nella fiducia degli italiani nelle istituzioni, dopo il Papa e le forze dell'ordine. Significa che stiamo parlando di una realtà apprezzata, non di una patologia anche se la stampa parla spesso di fatti patologici".

Attachments:
File
Download this file (Intervista Pino Turi.doc)Intervista Pino Turi.doc

Leggi tutto...

CORSO DI FORMAZIONE: TECNICHE, DIDATTICHE E METODOLOGIE PER LA PREDISPOSIZIONE DELLE UNITA' DI APPRENDIMENTO

PROPEDEUTICO AL CONCORSO DOCENTI ABILITATI. INIZIO CORSO SABATO 7 APRILE ORE 9,30 - 12,30 PRESSO LA SEDE UIL SCUOLA DI FROSINONE VIA ALBERTO SORDI 16. IN ALLEGATO IL PROGRAMMA E LE MODALITA' DI ADESIONE. AL TERMINE DEL CORSO VERRA' RILASCIATO SPECIFICO ATTESTATO.

Irase Frosinone e Federazione Uil Scuola Frosinone, organizzano un Corso di formazione valido ai fini della formazione continua ed obbligatoria per i docenti, anche in vista del Concorso per docenti abilitati; Il corso avrà inizio sabato 7 aprile 2018 dalle ore 9,30 alle ore 12,30. Verrà rilasciato un attestato di partecipazione valido ai fini della formazione continua ed obbligatoria per i docenti e per questo si può richiedere  al dirigente scolastico della scuola di appartenenza di fruire dei cinque giorni di permesso retribuito per la formazione qualora si abbia necessità.

ASSEMBLEA GENERALE RSU A FIUGGI. VALORI PERSONE E IDEE: INSIEME FACCIAMO LA DIFFERENZA

TURI: E' LA COMUNITÀ EDUCANTE IL PUNTO DI PARTENZA. IL SINDACATO È SOGGETTO CONNESSO CON LA SOCIETÀ, IL CAMBIAMENTO NE È PARTE ESSENZIALE. LO ABBIAMO GIÀ FATTO, LO STIAMO FACENDO. LA PRESENZA DEL SEGRETARIO GENGENERALE DELLA UIL CARMELO BARBAGALLO

E' la comunità educante, quella della scuola, quella delineata dal nuovo contratto, il punto di partenza dell'intervento di Pino Turi, all'Assemblea Generale di Fiuggi. Una riunione aperta alla partecipazione di centinaia di Rsu provenienti da tutta Italia. Perché se la parola più innovativa del momento è 'persone', il richiamo alla comunità riguarda in primo luogo anche il sindacato. Una riunione compatta e leggera quella di Fiuggi, fuori dai rituali sindacali, fatta di voci, di esperienze, di racconti. Fortemente ancorata ai valori di riferimento della UIL. «Il linguaggio è strumento di identità e di cambiamento» - ha detto nel suo intervento Pino Turi. «Non vogliamo le parole degli altri: neo liberismo, mercato, efficienza, livelli. Vogliamo le nostre parole: solidarietà, collaborazione, partecipazione, confronto, democrazia, libertà. Sono parole che esprimono altrettanti obiettivi politici da perseguire con determinatezza». «Occorre superare le derive burocratiche, anche interne al sindacato - ha aggiunto Turi - e vedere che il cambiamento è già stato intrapreso. Il sindacato è soggetto connesso con la società, il cambiamento ne è parte essenziale. Lo abbiamo già fatto, lo stiamo facendo». L'attualità della condizione docente non poteva sfuggire alla maglie del dibattito: «dopo anni di tagli, incuria, di cattiva gestione, di pesanti interventi della politica, la scuola, il ruolo degli insegnanti è stato logorato - ha sottolineato Turi. Occorre anche qui ripartire dai valori essenziali. Le cose vecchie si buttano via, le cose antiche hanno valore per sempre. Per questo crediamo che l'istruzione, l'educazione, la libertà di pensiero e di insegnamento siano ragioni valide per puntare sul valore sociale degli insegnanti». 

Presentati nel corso dell'assemblea anche i dati degli iscritti (in crescita costante), la presenza delle liste Uil nelle scuole (in aumento pur in presenza di una diminuzione del numero di scuole). «L'aumento degli iscritti - ha messo in evidenza Turi - è per noi elemento di grande responsabilità. Vogliamo stare tra la gente. E' questo il punto di partenza per fare scelte capaci di incidere sulle decisioni politiche. Abbiamo conseguito un primo risultato politico modificando la legge 107 con il contratto - ha ribadito - perché è una legge sbagliata, una legge contro le persone. Ha vinto la democrazia». Pochi i passaggi sul contratto, approvato definitivamente dal Consiglio dei ministri e ora in attesa del parere della Corte dei Conti , perché - questo il giudizio espresso in Esecutivo allargato ai componenti dell'Assemblea - la sua portata è chiara ed è basata sui contenuti normativi (chiave per aprire i lucchetti di diritti messi in soffitta) e sulle innovazioni legate alla contrattazione (che riacquista ampi spazi). Strumentali dunque le polemiche che puntano sull'entità delle risorse, perché - questo il tenore degli interventi - abbiamo buona memoria e sappiamo da dove siamo partiti. «Le ricette Brunettiane - ha ricordato Turi - volevano eliminare le Rsu, la contrattazione, i corpi intermedi, il sindacato. Ora tutto questo è azzerato». «Dobbiamo ritornare alle persone - ha sollecitato Turi - la libertà è come un muscolo, se non la eserciti si atrofizza. La nostra è un'operazione culturale, politica». Un accenno anche alla presenza di sindacati che alzano polemiche più che fornire soluzioni: «cripto-sindacati - li ha definiti Turi - che nessuno capisce ma che lusingano nella speranza di essere provati.

Non possiamo lasciare che le nostre sorti vengano decise né da loro, né da algoritmi - ha aggiunto -  ricordando come scelte sbagliate hanno poi condizionato l'esistenza di centinaia di persone». Pertini e Calamadrei le citazioni in chiusura: «non c'è libertà senza giustizia sociale» e «se vuoi finanziare la scuola privata, fai andare in malora quella statale» per ricordare qual è la direzione che verrà seguita. «Le elezioni per il rinnovo delle Rsu costituiscono l'occasione, per ciascun singolo lavoratore, non solo per esprimere liberamente i propri rappresentanti, ma anche per rafforzare le proprie rivendicazioni come conseguenza di una massiccia partecipazione al voto» - ha detto Carmelo Barbagallo che ha voluto partecipare all'incontro con le Rsu della scuola. «Andare a votare il 17, 18 e 19 aprile non è solo un diritto, ma anche un'opportunità.

Tutta la Pubblica Amministrazione deve percepire e misurare l'enorme capacità di mobilitazione che i lavoratori del settore sono in grado di esprimere» - ha sottolineato il segretario Uil. «Valorizzare il lavoro e restituire dignità ai lavoratori del pubblico impiego, a partire proprio dalla scuola, è possibile se si dà ancora più forza al sindacato confederale, attraverso - ha messo l'accento Barbagallo - un ampio consenso espresso nel segreto dell'urna». «Personale docente e personale Ata sono un'autentica risorsa: a loro è affidato il futuro dei nostri figli e del Paese. Questa missione merita il giusto riconoscimento sociale ed economico e la Uil è al fianco di tutti i lavoratori del comparto per riconquistare, insieme, diritti, tutele e prospettive. Un voto diffuso e convinto - ha invitato - rappresenta l'arma migliore per conseguire tali traguardi e questo esercizio di democrazia legittima ogni volontà di miglioramento e sviluppo». «Il 17, 18 e 19 aprile - ha concluso - andiamo a votare tutti per affermare il valore del lavoro e per essere protagonisti del nostro domani». 

CONTRATTO SCUOLA: OGGI IL VIA LIBERO DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

TURI: PATTI RISPETTATI. ORA IL PASSAGGIO ALLA CORTE DEI CONTI. UIL: ITER RAPIDO PER GLI AUMENTI

Di "patti rispettati" parla il segretario generale della Uil Scuola Rua, Pino Turi, dopo l'approvazione del Consiglio dei ministri del contratto scuola.  Un passaggio che rende efficace, e dunque pienamente valido,l'accordo sottoscritto nelle scorse settimane all'Aran.  Dopo il passaggio alla Corte dei Conti il nuovo contratto diverrà concretamente operativo. Il Governo ha rispettato gli impegni presi con i sindacati, formalmente e sostanzialmente.  Esprimiamo  soddisfazione - aggiunge Turi - per l'esito positivo di questa lunghissima fase negoziale e per la portata innovativa di questo contratto. Accanto agli aumenti, ottenuti con le risorse finanziarie disponibili, sono stati inseriti anche elementi di novità  (la scuola come comunità educante in primis e, ad esempio, il diritto alla disconnessione), di ripristino di diritti (collegialità e confronto), di progressione (organizzazione del lavoro).  Ci attendiamo un iter breve di autorizzazione contabile per fare in modo che gli aumenti vadano nelle tasche di chi ne ha diritto nel più breve tempo possibile. Ora spetterà al nuovo Esecutivo dare continuità al sistema di relazioni sindacali e al riconoscimento professionale ed economico del personale della scuola, a cui questo contratto ha dato nuove e condivise basi.

CONCORSO DOCENTI ABILITATI: PROROGATA LA DATA DI SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

FINO AL 26 MARZO SU ISTANZE ON LINE

Il Miur ha prolungato i termini per la presentazione della domanda di partecipazione al concorso a cattedra per i docenti abilitati e/o con specializzazione sostegno. Il concorso, indetto con DG del 1° febbraio 2018, potrà interessare circa 100mila docenti, e la domanda si presenta tramite Istanze on line. Negli ultimi giorni il sistema ha presentato numerosi malfunzionamenti, tanto da impedire ai docenti la corretta compilazione e in molti casi anche l’accesso al sistema. Prima le associazioni dei docenti e poi i sindacati, hanno chiesto la proroga. Proroga che il Miur ha concesso, fino alle ore 14 del 26 marzo 2018. 

LICEI MUSICALI: IL TAR CONDANNA IL MIUR A RIPRISTINARE LA SECONDA ORA DI STRUMENTO MUSICALE

LA SOLITA POLITICA BUROCRATICA E INCONCLUDENTE HA PORTATO A DELEGARE ALLA MAGISTRATURA LA SOLUZIONE DEL PROBLEMA

Il TAR condanna il MIUR a ripristinare la 2^ ora di strumento nei licei musicali.  Il MIUR, dversamente da quanto previsto dall'allegato E al DPR 89/2010 (2 ore primo strumento + 1 ora secondo strumento), con la nota Prot. 21315/2017 del 15 maggio 2017 avente ad oggetto "Dotazioni Organiche del personale docente per l'anno scolastico 2017/2018", disciplinando le modalità di assegnazione delle ore sull'organico destinato ai licei musicali, aveva assegnato soltanto un'ora per il primo strumento e un'ora per il secondo strumento con la conseguente decurtazione di un'ora per il primo strumento.  A nostro avviso, l'interpretazione corretta della norma, così come applicata dal MIUR negli anni scolastici precedenti, prevede lo svolgimento delle 99 ore curricolari di strumento: le 3 ore di strumento nel biennio sono da intendersi nel modo che segue: 2 di esecuzione per il 1° strumento e 1 ora di esecuzione per il 2° strumento. A questo punto, come più volte evidenziato dalla UIL Scuola, sarebbe stato meglio porre i giusti rimedi alla situazione, per corrispondere alla domanda formativa di studenti e famiglie, riformulando la nota sugli organici e ristabilendo la seconda ora di lezione individuale per il primo strumento, così da aumentare di conseguenza le ore in organico e il numero dei docenti. Invece il MIUR ha scelto di delegare alla magistratura la soluzione del problema. La solita politica burocratica ed inconcludente. Sulla base della sentenza emessa dal TAR, che conferma per altro un altro precedente in materia, il MIUR sarà costretto a rifare gli organici consentendo lo svolgimento della seconda ora di lezione. Ora il MIUR si trova a decidere se proporre ricorso in appello al Consiglio di Stato o adeguarsi alla sentenza del TAR. In quest'ultimo caso, rispetterebbe i diritti di genitori ed alunni che hanno proposto il ricorso. E' ora di passare la parola alla politica e smetterla di delegare alla magistratura i problemi che comunque, come abbiamo visto, restano e, anzi, si aggravano con un crescendo  di ricorsi e controricorsi che si rincorrono e finiscono per negare, di fatto, i diritti collettivi. In allegato il testo della sentenza su ricorso curato dall'avvocato Domenico Naso. 

Attachments:
File
Download this file (sentenza TAR.pdf)sentenza TAR.pdf

LA VALUTAZIONE E' PARTE DELLA PROFESSIONE DOCENTE: SEMINARIO INVALSI SU QUESTIONARIO DOCENTE

VALORIZZARE LA PROFESSIONALITÀ DOCENTE SIGNIFICA RICONOSCERE IL RUOLO STRATEGICO DELLA LIBERTÀ DI INSEGNAMENTO E DELLA VALUTAZIONE CHE GLI INSEGNANTI FANNO DEI PROGRESSI DEI LORO STUDENTI. VINCOLARE TALE ATTIVITÀ AI RISULTATI DEI TEST STANDARDIZZATI SIGNIFICA ORIENTARE E PORRE DEI PALETTI AD UNA ATTIVITÀ PROFESSIONALE CHE DEVE ESSERE LIBERA DA OGNI CONDIZIONAMENTO.

Il 12 marzo si è tenuto a Roma, nella sede del MIUR, un seminario di informazione e confronto tra istituzioni, esperti e attori del sistema sul futuro del questionario studente che completa annualmente le prove INVALSI. Somministrato finora solo agli alunni della classe quinta primaria e della seconda superiore, da questo anno verrà reintegrato anche nel pacchetto di test destinati agli alunni della classe terza media e in futuro riguarderà anche la classe finale del superiore. Il questionario ha la finalità di indagare le modalità con cui lo studente si avvicina alle prove e l’influenza che hanno su di esse svariati fattori socio ambientali. Per la UIL non è puntando l’attenzione verso i fattori che facilitano o influenzano l’apprendimento che le prove per la rilevazioni degli apprendimenti potranno migliorare la percezione che tutti gli operatori scolastici ne ricevono data la difficoltà con cui sempre meno queste vanno ad integrarsi con lo sviluppo delle attività didattiche e ai fini della valutazione finale.

Leggi tutto...

BUON COMPLEANNO SCUOLA INFANZIA

IL 18 MARZO DEL '68 VENIVA ISTITUITA LA SCUOLA MATERNA STATALE. COMPIE 50 ANNI

Nel marzo 1968, con la legge n. 444, viene istituita la scuola materna statale che « accoglie i bambini nell'età prescolastica da tre a sei anni». La legge all’art. 1 ne dispone caratteri e finalità : «Detta scuola si propone fini di educazione, di sviluppo della personalità infantile, di assistenza e di preparazione alla frequenza della scuola dell'obbligo, integrando l'opera della famiglia.  L'iscrizione è facoltativa; la frequenza gratuita». Qui di seguito la lettera di auguri diffusa dal Coordinamento Nazionale per le Politiche dell’Infanzia e della sua Scuola in occasione dei 50 anni dall’istituzione della scuola dell’infanzia statale italiana.

Leggi tutto...

MOBILITA': LA SCHEDA TECNICA UIL SCUOLA CON DOMANDE E RISPOSTE

IN ALLEGATO ANCHE O.M. PULITA E LA MOBILITA' DEI DOCENTI DI RELIGIONE CATTOLICA

In allegato la scheda tecnica sull'O.M. della mobilità integrata con le novità che sono state previste. Sono state integrate le FAQ mettendo a fuoco alcune questioni (mobilità triennale....perdenti posto ecc.) e aggiungente le FAQ sulle novità (educatori, Licei musicali, sedi carcerarie ecc.). Il consueto Vademecum sulla compilazione della domanda sarà pubblicato, dopo la messa a punto, contestualmente con la data di inizio della compilazione, istanze online, per vedere se ci sono novità anche in quel senso.

 

MOBILITA': SI PARTE IL 3 APRILE CON I DOCENTI

COME LO SCORSO ANNO LA DOMANDA E' UNICA E ON LINE

Pubblicata l’Ordinanza Ministeriale, che dà il via alle operazioni di mobilità del personale docente educativo e ATA per l’a.s. 2018/19.  

TEMPISTICA

Personale docente: dal 3 al 26 aprile 2018
Personale educativo: dal 3 al 28 maggio
ATA: dal 23 aprile al 14 maggio 2018

PUBBLICAZIONE MOVIMENTI

  • Scuola dell’Infanzia: 8 giugno 2018
  • Scuola Primaria: 30 maggio 2018
  • Scuola secondaria I grado: 25 giugno 2018
  • Scuola secondaria II grado: 10 luglio 2018
  • Personale educativo: 10 luglio 2018
  • Personale ATA: 16 luglio 2018
  • Personale richiedente mobilità professionale verso i licei musicali: 28 maggio 2018: 
  • per il personale che ha insegnato per almeno dieci anni continuativi nella specifica disciplina nei soli istituti dove erano già attivate le sperimentazioni di ordinamento di liceo musicale;
  • per il personale che ha insegnato, nella specifica disciplina e nella medesima sede dei licei musicali istituti a partire dall’ a.s. 2010/11.
  • 4 giugno: per il restante personale aspirante al passaggio di cattedra o di ruolo.

COMUNICAZIONE AL SIDI

  • Scuola dell’Infanzia: 11 maggio 2018
  • Scuola Primaria:  11 maggio 2018
  • Scuola secondaria I grado: 5 giugno 2018
  • Scuola secondaria II grado: 22 giugno 2018
  • Personale educativo: 22 giugno 2018
  • Personale ATA: 22 giugno 2018

MODALITÀ PRESENTAZIONE DOMANDE

Modalità telematica, tramite istanze online:

  • personale docente
  • personale ATA
  • personale educativo

MODALITÀ CARTACEA

  • personale docente che chiede mobilità professionale verso i licei musicali
Attachments:
File
Download this file (OM-moblità.pdf)OM-moblità.pdf

COMMISSIONI CONCORSO: LE FUNZIONI CINECA E POLIS DISPONIBILI DAL 20 MARZO

LE CANDIDATURE COME PRESIDENTE, COMPONENTE E MEMBRO AGGREGATO SARANNO APERTE DAL 20 MARZO AL 9 APRILE. IN ALEGGATO NOTA E DM.

Oggetto: Concorso docenti di cui all’art.17 comma 2 lett. b del decreto legislativo 13 aprile 2017, n.59. Commissioni di valutazione. Apertura funzioni per la presentazione delle candidature. Si comunica che dal 20 marzo al 9 aprile sarà disponibile l’istanza on-line per la presentazione delle candidature come presidente, componente e membro aggregato del concorso docenti di cui all’oggetto.

L'INTERVENTO DI UMBERTO GALIMBERTI ON LINE SUL SITO DI UIL SCUOLA

GALIMBERTI: CI VOGLIONO DOCENTI AFFASCINANTI. ESPELLERE I GENITORI DA SCUOLA INTERESSATI SOLO A PROMOZIONE

I genitori devono difendere sempre gli insegnanti altrimenti minano la sfera dell’affettività e dunque la crescita dei loro figli. Alle maestre occorrerebbe dare lo stipendio dei professori universitari perché fanno un lavoro pazzesco. Occorrono insegnanti affascinanti ma oggi il ragazzo si deve ritenere fortunato se su nove docenti ne ha due carismatici”.

Il link diretto: http://www.uil.it/uilscuola/node/5267

Altri articoli...

  1. CONCOSO DOCENTI: LE FAQ DEL MINISTERO
  2. MOBILITA': FIRMATO DEFINITIVAMENTE IL CONTRATTO
  3. GRADUATORIE DI TERZA FASCIA ATA: SCELTA DELLE SEDI
  4. CONCORSI: IL PUNTO NELL'INCONTRO AL MIUR
  5. L'ISTRUZIONE COME LA LIBERTA' DI INSEGNAMENTO SONO DIRITTI UNIVERSALI CHE NON SI PRESTANO ALLA REGIONALIZZAZIONE
  6. GIORNALE UIL SCUOLA
  7. ATA: EMANATA LA CIRCOLARE PER IL RINNOVO DELLE GRADUATORIE DEI 24 MESI
  8. CONTRATTO: TRA SCIPOERI, PROTESTE E REAZIONI SOCIAL TANTO TUONO' CHE NON PIOVVE
  9. RICORSO AL TAR PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO 2018 PER LA SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO
  10. CORSO DI FORMAZIONE CONCORSO DOCENTI ABILITATI
  11. PETIZIONE PUBBLICA CONTRO IL MOBBING SUI POSTI DI LAVORO
  12. CONCORSO DOCENTI ABILITATI I E II GRADO: PUBBLICATO IL BANDO
  13. CONTRATTO: LA SCHEDA DI ANALISI DEL TESTO SOTTOSCRITTO ALL'ARAN
  14. CONCORSO RISERVATO AI DOOCENTI ABILITATI: INDICAZIONI DA PARTE DEL MIUR
  15. CONTRATTO SCUOLA: UN ARTICOLO DI OSCAR GIANNINO ALL'INDOMANI DELLA FIRMA DEL CONTRATTO
  16. CONTRATTO: UNA SINTESI DEGLI ELEMENTI PIU' IMPORTANTI CHE LO COMPONGONO IN 14 PUNTI
  17. CONCORSO DOCENTI 2018 (D.M. 995del 15 /12 /2017) RICORSO PER I DOCENTI DI RUOLO IN POSSESSO DI LAUREA CHE DA ACCESSO A CLASSI DI CONCORSO DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I E II GRADO
  18. BONUS DOCENTI: COMUNICATO UNITARIO
  19. PUBBLICHIAMO L'IPOTESI DI CONTRATTO SCUOLA SIGLATO QUESTA MATTINA
  20. RINNOVATO IL CONTRATTO DELLA SCUOLA
  21. NEO ASSUNTI: 2° INCONTRO
  22. APE SOCIAL: NOTA MIUR PER LA CESSAZIONE DAL SERVIZIO
  23. CONTRATTO SCUOLA: DOMANI CONVOCAZIONE ALL'ARAN. UIL PRONTI ALLA NO STOP
  24. CONCORSO DOCENTI ABILITATI: LA SCHEDA
  25. DIPLOMATI MAGISTRALI. D'APRILE SEGRETARIO UIL SCUOLA: CI OPPORREMO A EVENTUALI LICENZIAMENTI, SERVE INTERVENTO LEGISLATIVO
  26. CORTE DEI CONTI: LA RIFORMA RENZI UN FALLIMENTO ANCHE SUI NUMERI
  27. INSEGNANTI PRIVILEGIATI: FAKENEWS ON LINE
  28. CONCORSO ABILITATI: DOMANDE DAL 20 FEBBRAIO AL 22 MARZO SU ISTANZE ON LINE
  29. PRIMA CONFERENZA NAZIONALE SULL'APPRENDIMENTO PERMANENTE
  30. VERSO IL CONTRATTO: DOPO GIORNI DI NON-NOTIZIE FACCIAMO IL PUNTO SULLA TRATTATIVA IN ATTO
  31. RISORSE ALLE SCUOLE: TRA QUALCHE SETTIMANA ASSEGNATE LE SOMME
  32. 27 GENNAIO GIORNATA DELLA MEMORIA
  33. ANAGRAFE NAZIONALE DEGLI STUDENTI CON DISABILITA': RICHIESTA UNITARIA DI INCONTRO UREGENTE
  34. COMUNICAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA: FALSI ALLARMISMI SULLA REGOLAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI ALL'INPS
  35. CRESCE MOLTO LA FIDUCIA DEGLI ITALIANI NEI SINDACATI:
  36. CEDOLINI GENNAIO: MANCATA APPLICAZIONE DEL GRADONE (SCATTO DI ANZIANITA')
  37. INDICAZIONI OPERATIVE PENSIONAMENTI 2018
  38. CONTRATTO: MESSAGGI FALSI E FALSA PROPAGANDA
  39. DIRITTO ALLO STUDIO: PERMESSI RETRIBUITI 2018
  40. CONTRATTO: RIUNIONE ALL'ARAN DEL 17 GENNAIO
  41. VERTENZA DIPLOMATI MAGISTRALI: INCONTRO CON L'USR DEL LAZIO
  42. VALUTAZIONE, CERTIFICAZIONE COMPETENZE ED ESAMI DI STATO
  43. CORSO DI FORMAZIONE: SCUOLA E SOCIETA'
  44. CONTRATTO; REPORT DELL'INCONTRO ALL'ARAN DEL 15 GENNAIO
  45. VISITE FISCALI: COSA CAMBIA DAL 13 GENNAIO
  46. CONTRATTO SCUOLA: ANCORA NON CI SIAMO
  47. DIPLOMATI MAGISTRALI. TURI: NON CI SARA' LICENZIAMENTO DI MASSA
  48. VISITE FISCALI: NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 13 GENNAIO 2018
  49. CONTRATTO SCUOLA: OGGI SECONDO INCONTRO ALL'ARAN. CHIESTO UN CALENDARIO SERRATO DI INCONTRI
  50. DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO: DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE
  51. DIPLOMATI MAGISTRALI E SENTENZA CONSIGLIO DI STATO: CONVOCATI AL MIUR I SINDACATI
  52. CONTRATTO SCUOLA: RIPARTE IL 2 GENNAIO LA TRATTATIVA
  53. ATA: GLI INCARICHI FINO AD AVENTE DIRITTO VANNO PROROGATI FINO AL 31 AGOSTO O 30 GIUGNO SECONDO LA TIPOLOGIA DI POSTO
  54. FIRMATA INTESA CONTRATTO SU MOBILITA' 2018/19: PROROGATO IL CONTRATTO DEL PRECEDENTE ANNO
  55. DIPLOMATI MAGISTRALI 2001/2002:SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SFAVOREVOLE. TURI: SERVE UNA SOLUZIONE POLITICA. QUESTO SUCCEDE QUANDO SI DELEGA ALLA MAGISTRATURA LA SOLUZIONE DEI PROBLEMI
  56. PERMESSI RETRIBUITI PER MOTIVI DI STUDIO 2018: ELENCHI PROVVISORI
  57. GRAVISSIMO STALLO SUL CONTRATTO
  58. CONTRATTO: LA TRATTATIVA E' IN UN PERICOLOSO STALLO
  59. NUOVA DIRETTIVA TRIENNALE SULLA VALUTAZIONE DEL SISTEMA IN ATTUAZIONE DEL DECRETO 80/2013
  60. ALTERNANZA "ETICA" SCUOLA LAVORO NELLA UIL
  61. MANIFESTO PER LA SCUOLA: IL VIDEO DI BARBIANA
  62. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: PROTOCOLO D'INTESA MIUR UIL
  63. ILLEGITTIMA L'ESCLUSIONE DEI DOCENTI DI RUOLO DALLE PROCEDURE CONCORSUALI
  64. CONTRATTO SCUOLA. LA DENUNCIA DELLA UIL SCUOLA
  65. CONGRESSO REGIONALE: ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI
  66. IL 14 DICEMBRE ASSEMBLEA PUBBLICA DELLA SCUOLA DAVANTI MONTECITORIO
  67. MOBILITA': NEL CONFRONTO CON IL MIUR POSIZIONI ANCORA DISTANTI
  68. PROBLEMATICHE ATA: IL CONFRONTO DA QUALCHE FRUTTO MA SERVE IMPEGNO SERIO DA PARTE DEL MIUR
  69. MOBILITA': URGENTE UN CONTRATTO PONTE
  70. 2° INCONTRO PER NEO ASSUNTI: LA DATA VERRA' COMUNICATA
  71. BANDO CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI: NOTA DI LETTURA
  72. DAL MANIFESTO PER UNA SCUOLA APERTA A TUTTI AL RINNOVO DEL CONTRATTAO
  73. PACCHETTO RECUPERO 24 CFU. CONVENZIONE UNIPEGASO
  74. DECRETO PENSIONAMENTO 2018
  75. CONCORSO DIRIGENTE SCOLASTICO: IL BANDO
  76. ART.59 DEL CONTRATTO: LE SUPPLENZE ATA FINO AD AVENTE DIRITTO VERRANNO TRASFORMATE IN ANNUALI
  77. MANIFESTO PER LA SCUOLA CHE VOGLIAMO: FIRMA ANCHE TU
  78. PRESCRIZIONE QINQUENNALE DEI CONTRIBUTI INPS: NON SI APPLICA AI DIPENDENTI DELLA SCUOLA
  79. VERSO IL NEGOZIATO CONTRATTUALE. CONVOCAZIONE ALL'ARAN IL 9 NOVEMBRE
  80. RINNOVO DEL CONTRATTO: ASSEMBLEE TERRITORIALI UNITARIE
  81. EMANATO L'ATTO DI INDIRIZZO PER IL NUOVO CONTRATTO DELLA SCUOLA
  82. VIGILANZA DEGLI ALUNNI: LA SCHEDA UIL SCUOLA E I MATERIALI DI APPROFONDIMENTO
  83. NEOASSUNTI: INCONTRO PER ANNO DI PROVA 6 NOVEMBRE ORE 15,00 I.C. FROSINONE 1°
  84. NUOVA OFFERTA FORMATIVA IRASE FROSINONE 2017/2018
  85. OFFERTA FORMATIVA IRSAF-UNITELMA LA SAPIENZA
  86. INCONTRI AL MIUR SU ADEGUAMENTI PTOF
  87. 24 CFU: CONVENZIONE IRASE - UNIPEGASO PER IL CONSEGUIMENTO. OFFERTA ANCHE PER IL RECUPERO DEGLI ESAMI SINGOLI
  88. FORMAZIONE DEL PERSONALE SCOLASTICO: FACCIAMO IL PUNTO CON I CHIARIMENTI NECESSARI
  89. INCURSIONE DEL MIUR SULLA PROGETTUALITA' FORMATIVA NELLE SCUOLE
  90. RINNOVO DEL CONTRATTO: LA PAZIENZA E' FINITA
  91. FIS: TUTTI PARAMENTRI PER CALCOLARE LE RISORSE DELLE SINGOLE SCUOLE
  92. ATA: SBLOCCATA UNA DIFFICILE VERTENZA
  93. PREVIDENZA E RICOSTRUZIONE DI CARRIERA
  94. LICEI MUSICALI: PER LA UIL SUPERFICIALE E SBAGLIATA LA RIDUZIONE DI ORE OPERATA DAL MINISTRO
  95. DECRETO PER IL SERVIZIO INTEGRATO DEI BAMBINI DA 0 A 6 ANNI
  96. GAE ESAURITE IN PROVINCIA DI FROSINONE
  97. COME FUNZIONERA' IL FIT. FORMAZIONE INIZIALE E RECLUTAMENTO. I CFU
  98. RICOSTRUZIONE DI CARRIERA: NUOVE MODALITA' DI GESTIONE DELLE DOMANDE
  99. INCARICHI DI REGGENZA 2017/18 PROVINCIA DI FROSINONE
  100. DATI EURSTAT: IN ISTRUZIONE SPENDIAMO LA META' DI GERMANIA E FRANCIA
  101. INCARICHI DI DIRIGENZA SCOLASTICA PROVINCIA DI FROSINONE
  102. VACCINAZIONI DEL PERSONALE SCOLASTICO: INAPPLICABILI LE DISPOSIZIONI
  103. CHIARIMENTI APE SOCIAL
  104. RISULTATI PROVE INVALSI 2017: L'ANALISI STANDARDIZZATA NON LEGGE LA COMPLESSITA' DEL NOSTRO SISTEMA D'ISTRUZIONE
  105. ASSEGNAZIONI PROVVISORIE E UTILIZZAZIONI: SCHEDA TECNICA E VADEMECUM OPERATIVO
  106. SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: POSSIBILE COSTITUIRE COE ANCHE TRA AMBITI DIVERSI
  107. RUOLO, FUNZIONE E PRESTIGIO: PAROLE CHIAVE PER APRIRE UN NUOVO DIALOGO CON GLI INSEGNANTI
  108. MOVIMENTI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
  109. DOTAZIONI ORGANICHE ATA: LA UIL CHIEDE GARANZIE PER I LAVORATORI E CERTEZZA PER LE SCUOLE
  110. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE. FISSATE LE DATE
  111. PASSAGGI DA AMBITO A SCUOLA DOCENTI TRASFERITI SU AMBITO. ASSUNZIONI IN RUOLO: ISTRUZIONI OPERATIVE
  112. CONTRATTO: PARTITO OGGI IL CONFRONTO ALL'ARAN
  113. TURI: TORNARE AD INVESTIRE NELLA SCUOLA PUBBLICA. ATTENZIONE ALLE DERIVE PRIVATISTICHE PRONTE A FARE BUSINESS CON L'ISTRUZIONE
  114. GRADUATORIE D'ISTITUTO: PROROGA VALUTAZIONE PER LE SCUOLE E DIFFERIMENTO MODELLO B
  115. L'ALTERNANZA ETICA: AL VIA L'INDAGINE UIL SCUOLA SU ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
  116. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE: FIRMATO IL CONTRATTO
  117. DACIA MARAINI: LA SCUOLA SOPRAVVIVE GRAZIE AI PROF MOTIVATI
  118. MOVIMENTI SCUOLA DELL'INFANZIA
  119. GRADUATORIE D'ISTITUTO: LE FAQ UFFICIALI DEL MIUR
  120. RIUNIONE MINISTRO - SINDACATI SU ATTO DI INDIRIZZO. VALORIZZARE LA FUNZIONE DOCENTE E' LA VERA SFIDA DEL NUOVO CONTRATTO
  121. GAE: AGGIORNAMENTO ESCLUSIVAMENTE PER MOTIVI SPECIFICI. SCADENZA L'8 LUGLIO
  122. PUBBLICATI I MOVIMENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA PER A.S. 2017/18
  123. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE: NON CI POSSONO ESSERE RESTRIZIONI PER NESSUNO
  124. CHIARIMENTI SU APE SOCIALE IN RELAZIONE ALLE MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
  125. AVVISO DATA DI POSTICIPO MOVIMENTI SCUOLA PRIMARIA
  126. FAQ AGGIORNAMENTO GRADUATORIE D'ISTITUTO
  127. FORMAZIONE E PIATTAFORMA SOFIA
  128. PROSPETTI DISPONIBILITA' PER LA MOBILITA' PROFESSIONALE NEI LICEI MUSICALI
  129. AGGIORNAMENTO E INSERIMENTO GRADUATORIE D'ISTITUTO II E III FASCIA
  130. AGGIORNAMENTO GRADUATORIE DOCENTI DI II E III FASCIA
  131. INFORMATIVA SUGLI ORGANICI PROVINCIA DI FROSINONE
  132. BONUS 500 EURO: SI POTRANNO CUMULARE LE MANCATE SPESE DEL CORRENTE ANNO CON QUELLE DELL'ANNO PROSSIMO
  133. CALENDARIO SCOLASTICO DEL LAZIO 2017/18
  134. ESECUTIVO NAZIONALE UIL SCUOLA: LA PRIORITA' E' IL RINNOVO DEL CONTRATTO
  135. CORSI EIPASS E LIM PER ISCRITTI UIL SCUOLA
  136. DECRETI LEGISLATIVI EX LEGGE 107
  137. LICEI MUSICALI: ESITO INCONTRO MIUR
  138. ENTRA NELLA FASE CRUCIALE TUTTA LA PARTITA DELLA DETERMINAZIONE DEGLI ORGANICI
  139. CONVEGNO "RIFUGIATI E MIGRANTI L'INCLUSIONE SCOLASTICA POSSIBILE"
  140. LINEE GUIDA UNITARIE PER L'APPLICAZIONE DEL CCNI RIGUARDANTE L'ASSEGNAZIONE ALLE SCUOLE DEI DOCENTI TITOLARI SU AMBITO
  141. BENE 52.000 ASSUNZIONI MA SI POTEVA FARE DI PIU'
  142. DENUNCIA UIL: DUE MAESTRE VINCONO UN PREMIO CON LA LORO CLASSE MA NON POSSONO ANDARE A RITIRARLO
  143. CONVENZIONE UIL SCUOLA DIMENSIONE RIPOSO FIUGGI. SCONTI DEL 30% ISCRITTI UIL SCUOLA
  144. ASSUNZIONI: 52.000 IN CATTEDRA DAL 1 SETTEMBRE. SCIOLTO IL NODO CON IL MEF
  145. MOBILITÀ: IL MIUR DECIDE DI NON DECIDERE E RIMANDA IL PROBLEMA
  146. CHIAMATA DIRETTA: INTERVISTA A D'APRILE SU ORIZZONTE SCUOLA "CONTRATTO RICONSEGNA POTERI AI COLLEGI DOCENTI"
  147. SOGGIORNO DI STUDO YAD VASHEM 2017
  148. INACCETTABILE IPOTESI MIUR SU ORGANICO A RATE
  149. MOBILITA' ATA: MODIFICA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
  150. GRADUATORIE ATA 1 E 2 FASCIA: FISSATE LE DATE PER LA SCELTA DELLE SCUOLA
  151. PERSONALE EDUCATIVO: INCONTRO DELLA UIL SCUOLA CON IL DIRETTORE GENERALE PALUMBO
  152. RISORSE ALLA SCUOLA: QUANDO LA BUROCRAZIA SOFFOCA LA SCUOLA
  153. CONFERENZA DI ORGANIZZAZIONE UIL SCUOLA: LE VIDEO INTERVISTE. LA TAVOLA ROTONDA CON TURI, BARBAGALLO E IL MINISTRO FEDELI
  154. CONFERENZA DI ORGANIZZAZIONE UIL SCUOLA: UN PASSO DECISIVO VERSO IL CAMBIAMENTO E VERSO LA MODERNITÀ
  155. RAGIONERIA AMMETTE: PERSONALE DELLA SCUOLA PIU' POVERO TRA GLI STATALI
  156. RICHIESTA INCONTRO SU FINANZIAMENTO ALLE SCUOLE
  157. MOBILITÀ DOCENTI E PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA: LA SCHEDA UIL SCUOLA
  158. MOBILITA' 2017/18: IL VADEMECUM UIL SCUOLA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
  159. TFA SOSTEGNO: LE PROVE IL 25 E 26 MAGGIO
  160. MOBILITÀ 2017/18: IL CONTRATTO E LA SCHEDA DI DETTAGLIO
  161. ASSUNZIONI DOCENTI: NECESSARI 25.000 POSTI PER EVITARE GLI STESSI ERRORI DELLO SCORSO ANNO
  162. FIRMATO CONTRATTO SULLA MOBILITA' CONGIUNTAMENTE AL PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA. LE DATE
  163. 730/2017 GRATUITO PER GLI ISCRITTI UIL SCUOLA
  164. DECRETI ATTUATIVI LEGGE 107: LA NOSTRA VALUTAZIONE È LEGATA ALLA RICADUTA SULLE PERSONE
  165. DALLA PARTE DEGLI ATA: NUOVO INCONTRO AL MIUR
  166. PRONTI ALLA MOBILITAZIONE PER USCIRE DA UN'IMPASSE INSOSTENIBILE
  167. DOCENTI: POSSIBILI 25.000 ASSUNZIONI MA IL MEF TEMPOREGGIA E NON DECIDE
  168. PROGETTAZIONE DEI PON: IL SUPPORTO DI IRASE FROSINONE ALLE SCUOLE
  169. PER L'OCSE ORA LA SCUOLA ITALIANA E' QUELLA BRAVA E INCLUSIVA
  170. MOBILITA' SI ALLUNGANO I TEMPI PER LA SOTTOSCRIZIONE
  171. MOBILITA' FERMA. TURI: COLPA DI UNA POLITICA RAGIONIERISTICA
  172. GRADUATORIE D'ISTITUTO DOCENTI E ATA. A FINE APRILE LA PUBBLICAZIONE DEI DECRETI
  173. TFA SOSTEGNO: CORSO DI PREPARAZIONE ON LINE
  174. RETI DI AMBITO: IMPOSTE DALL'ALTO SEBBENE NON OBBLIGATORIE
  175. VERTENZA MOBILITÀ DOCENTI 2016/17: IL GIUDICE ORDINA AL MIUR DI RILASCIARE L'ALGORITMO
  176. INCONTRI AL MIUR: AGGIORNIAMO SU LE TEMATICHE AFFRONTATE
  177. TURI: SOLDI ALLE PRIVATE. OGNI VOLTA UN NUOVO ANNUNCIO
  178. NUOVO SISTEMA DI RECLUTAMENTO SCUOLA SECONDARIA: APPROVATO IL PARERE DELLA VII COMMISSIONE CULTURA DELLA CAMERA
  179. TFA SOSTEGNO: SOSPESA L'EMANAZIONE DEI BANDI E RINVIATE LE DATE DELLE PROVE D'ACCESSO
  180. TFA SOSTEGNO: PROVE SELETTIVE IL 19 E 20 APRILE
  181. DALLA PARTE DEGLI ATA. OGGI L'ATTIVO NAZIONALE A ROMA
  182. ATA 24 MESI: I BANDI DEL LAZIO PER A.S. 2017-2018
  183. ESAMI DI STATO 2017: APERTE LE FUNZIONI PER PRESENTARE LA DOMANDA DI PRESIDENTE E COMMISSARIO ESTERNO
  184. DOCENTI: LE DOMANDE DI PENSIONAMENTO PER GRADI DI SCUOLA E CLASSI DI CONCORSO
  185. ATA: LE DOMANDE DI PENSIONAMENTO IN PROVINCIA DI FROSINONE
  186. ATA 24 MESI: MODELLI DI DOMANDA
  187. DOMANDA DI PART TIME: RICORDIAMO CHE LA SCADENZA È IL 15 MARZO
  188. INCONTRO AL MIUR SULLA MOBILITÀ: PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA OCCORRE ANCORA UN PASSAGGIO DI CHIARIMENTO POLITICO
  189. CORSI EIPASS E LIM APERTE LE ISCRIZIONI
  190. RINNOVARE LA PASSWORD SU ISTANZE ON LINE
  191. ATA 24 MESI: ENTRO IL 20 MARZO I BANDI REGIONALI
  192. TRATTENUTA ENAM: LA PROPOSTA DELLA UIL SCUOLA È QUELLA DI DESTINARLA ALLA PREVIDENZA INTEGRATIVA
  193. 6 e 7 MARZO CONVEGNO INTERNAZIONALE PATROCINATO DA IRASE FROSINONE
  194. BANDO INPSINSIEME 2017: UN OPPORTUNITÀ PER I FIGLI DEGLI ISCRITTI UIL SCUOLA
  195. CORSO PER CERTIFICAZIONE COMPETENZE INFORMATICHE: EIPAS (PATENTE EUROPEA) E EIPASS + LIM
  196. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: CHIARIMENTI INTERPRETATIVI
  197. BONUS FORMAZIONE DOCENTE: DALLA CARD ALL'APP TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE
  198. RAPPORTO UE SULL'ISTRUZIONE
  199. LA SCUOLA A PROVA DI PRIVACY: LA GUIDA DEL GARANTE
  200. PROGETTI PON: PROGETTI DI INCLUSIONE E LOTTA AL DISAGIO E PER GARANTIRE L'APERTURA OLTRE L'ORARIO DI SCUOLA
  201. DIRITTO ALLO STUDIO 2017. IL MODELLO DI DOMANDA
  202. CORSO DI INGLESE CERTIFICAZIONE LCCI B1 E B2
  203. OSSERVAZIONI UIL SCUOLA SULL'UTILIZZO FUNZIONALE DELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA
  204. IRASE FROSINONE: OFFERTA FORMATIVA PER LE SCUOLE
  205. EURYDICE 2016/SCUOLA: DECOLLANO I SALARI IN TUTTA EUROPA. SOLO L'ITALIA RESTA AL PALO
  206. PREVIDENZA: ANALISI E COMMENTO VERBALE SIGLATO DAL GOVERNO E SINDACATI
  207. ORGANICO DELL'AUTONOMIA: LA SCHEDA DI DETTAGLIO DELLA UIL SCUOLA
  208. 36 MESI E SUPPLENZE: IL CALCOLO SI FA DA SETTEMBRE 2016
  209. CHIAMATA DIRETTA: LA UIL PER RICORSO LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE
  210. CORSO DI FORMAZIONE DI IRASE: PSICOLOGIA DEI PROCESSI COMUNICATIVI E RELAZIONALI
  211. PASSAGGIO DEI DOCENTI DA AMBITO A SCUOLE: LE INDICAZIONI OPERATIVE DEL MIUR
  212. RICONOSCIUTO DAL TRIBUNALE DI FROSINONE IL TRASFERIMENTO INTERPROVINCIALE PER ASSISTENZA AL GENITORE (L. 104) CON HANDICAP GRAVE
  213. BONUS DOCENTI: INVITO UNITARIO AI DIRIGENTI PER UN'INTESA
  214. CORSO PER CERTIFICAZIONE COMPETENZE INFORMATICHE: EIPAS E LIM
  215. LINEE UNITARIE DI ORIENTAMENTO PER IL CORRETTO UTILIZZO DELL'ORGANICO PER IL POTENZIAMENTO
  216. EDUCAZIONE ALIMENTARE: CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO PER DOCENTI
  217. DOCUMENTO DI FORTE CRITICA ALL'OPERATO DELL'USR E DEL SUO DIRETTORE
  218. UNA GRANDE AFFERMAZIONE DELLA UIL SCUOLA ALLE ELEZIONI RSU
  219. REINSERIMENTO IN GAE: ACCOLTO CON SENTENZA IL RICORSO DELLA UIL SCUOLA DI FROSINONE
  220. ELETTO IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE DELLA UIL SCUOLA DI FROSINONE

Informazioni aggiuntive