NOTIZIE DAL TERRITORIO

CESSAZIONE DAL SERVIZIO PER IL PERSONALE SCOLASTICO DAL 1 SETTEMBRE 2016

TRATTAMENTO DI QUIESCEZA. LA CRCOLARE E UNA SCHEDA DI LETTURA

In allegato la Circolare MIUR relativa alle cessazioni dal servizio 2017 del personale scolastico e la scheda di lettura a cura della UIL Scuola. Per ogni chiarimento ulteriore potete rivolgervi direttamente al nostro responsabile nazionale, Francesco Sciandrone, che sarà presente oltre che nella sede della Segreteria Nazionale UIL scuola ogni giovedì, nella nostra sede a Frosinone via A. Sordi 16 il lunedì e venerdì dalle ore 9,00 alle 12,00 e dalle ore 16,00 alle 18,00 e il mercoledì dalle ore 9,00 alle 11,00.

SCUOLA INFANZIA: CONVOCAZIONE OER INCARICO ANNUALE

LA CONVOCAZIONE E' FISSATA PER IL GIORNO 13 DICEMBRE ORE 9,00 PRESSO I.I.S. BRAGAGLIA

In allegato alla presente, per opportuna conoscenza, il Calendario relativo alla Convocazione per il conferimento degli incarichi a tempo determinato della Scuola dell’Infanzia, con preghiera di massima diffusione tra il personale interessato.

PENSIONI: ENTRO IL 20 GENNAIO LE DOMANDE

PUBBLCATO L'ANNUALE DECRETO DI CESSAZIONE, TRATTENIMENTO IN SERVIZIO E RICHIESTA DI PART TIME

Sempre entro il termine del 20 gennaio 2017, il personale che abbia presentato la domanda di cessazione dal servizio per raggiungimento del limite massimo di servizio o di dimissioni volontarie o domanda di trattenimento in servizio per il raggiungimento del limite contributivo o per quanto previsto dall’articolo 1 – comma 257 della legge n. 208/2015, può revocare la domanda presentata. Vedi Allegati

TFA SPECIALIZZAZIONE SOSTEGNO: IL BANDO

L'ACCESSO È RISERVATO SOLO A CHI È IN POSSESSO DELL'ABILITAZIONE

I percorsi sono attivati per l’anno accademico 2016/17 dagli Atenei, anche in convenzione tra loro, nel limite dei posti autorizzati per ciascun Ateneo con decreto del Ministero. Il termine dei percorsi, incluso lo svolgimento dell’esame finale, deve essere previsto entro e non oltre il termine dell’anno accademico 2016/7. Vedi Bando in allegato

CONTRATTO: IL GOVERNO FINALMENTE SCOPRE LE CARTE

TURI: L'ACCORDO CON IL GOVERNO PUO' ESSERE UN MODO PER RICUCIRE LO STRAPPO CON IL MONDO DELLA SCUOLA. UNA POSSIBILITA' CHE PASSA PROPRIO PER IL NEGOZIATO CONTRATTUALE

Il contratto firmato ieri – sottolinea Pino Turi, segretario generale Uil Scuola - può rappresentare un modo per ricucire lo strappo con il mondo della scuola. Una possibilità che passa proprio per il negoziato contrattuale. La scuola  - precisa Turi -  si trova ad affrontare norme legislative che si configurano come vere e proprie invasioni di campo sul terreno della contrattazione.  Le misure definite, quindi, possono essere un valido strumento per correggere misure sbagliate e etero dirette che minano l’autonomia scolastica e incidono negativamente sul lavoro e sui diritti delle persone. Sarà sicuramente per le difficoltà del Governo in questa fase di ricerca del consenso sul quesito referendario, ma con l’accordo politico sottoscritto tra Governo e CGIL, CISL e UIL, il Governo scopre le carte e mette nero su bianco,  impegni e risorse per i rinnovi dei contratti del pubblico impiego e scuola. Ci sono le premesse per aprire e definire  un contratto vero – commenta il segretario generale della Uil scuola, Pino Turi.  Con la sottoscrizione dell’accordo si ripristinano sostanzialmente le norme e le materie di contrattazione che sono state sottratte dalla legge. 

La scheda di sintesi dell’intesa che definisce la discontinuità con le scelte politiche del passato

•          L’accordo sancisce la fine della moratoria dei contratti del pubblico impiego che saranno rinnovati.
•          La vigenza contrattuale è 2016- 2018 l’aumento nel triennio sarà di almeno 85 euro medie pro-capite.
•          Nell’applicazione della delega legislativa e negli atti di indirizzo saranno riequilibrate a favore della contrattazione, le leggi, a partire dalla Brunetta, che hanno rappresentato un ostacolo alla contrattazione.
•          La contrattazione decentrata non potrà essere superata da atti unilaterali per i quali si prevede la riforma.
•          Saranno riportate alla contrattazione la valutazione e l’organizzazione del lavoro, la formazione.
•          Sono previste azioni politiche di supporto alla defiscalizzazione del salario accessorio.
•          Saranno attivate nuove forme di relazioni sindacali per sostenere il superamento del precariato  e la previdenza complementare.

Leggi tutto...

FIRMATO L'ACCORDO SUL RINNOVO DEI CONTRATTI DEL PUBBLICO IMPIEGO E DELLA SCUOLA

UN ACCORDO CHE RICONOSCE IL VALORE DEL LAVORO PUBBLICO E VALORIZZA LE PROFESSIONALITÀ. IL COMUNICATO DEI SEGRETARI UIL DOPO L'INTESA A PALAZZO GUIDONI

Un accordo che riconosce il valore del lavoro pubblico e valorizza le professionalità – è il commento di Antonio Foccillo, Michelangelo Librandi, Nicola Turco, Sonia Ostrica e Pino Turi, rispettivamente segretario confederale UIL, segretari generali di UIL FPL, UIL PA, UIL Rua e UIL Scuola dopo la firma dell’accordo di oggi a Palazzo Vidoni.

Un’intesa che, i segretari UIL, considerano propedeutica ai rinnovi contrattuali e che restituisce alla contrattazione autonomia sia a livello nazionale che aziendale e che consentirà l'inizio di una fase di recupero salariale dopo sette anni di blocco.

La UIL valuta positivamente il testo sottoscritto oggi perché sostanzia quello che abbiamo più volte richiesto -  mette in chiaro Antonio Foccillo, segretario confederale -  in particolare una nuova definizione delle relazioni sindacali; la ripresa della contrattazione di secondo livello liberata dai vincoli attualmente esistenti; la defiscalizzazione del salario accessorio; l'introduzione del welfare aziendale e a sostenere lo sviluppo della previdenza complementare. Significativo è l'impegno per la riduzione del lavoro flessibile ed il superamento del precariato.

Siamo sulla strada giusta -  dichiara Nicola Turco, segretario generale UILPA -  aggiungendo che si avvia un percorso positivo per il recupero salariale, ma sopratutto, si restituisce ai lavoratori, la partecipazione ai processi di riforma della PA.

L' accordo di oggi può rappresentare un modo per ricucire lo strappo con il mondo della scuola – mette in evidenza il segretario generale della UIL Scuola, Pino Turi - una possibilità che passa proprio per il negoziato contrattuale. La scuola – precisa Turi -  si trova ad affrontare misure legislative che si configurano come vere e proprie invasioni di campo sul terreno della contrattazione. Con l’intesa di oggi  possiamo, ora, avere lo strumento per correggere misure sbagliate e etero dirette che minano l’autonomia scolastica e incidono negativamente sul lavoro e sui diritti dei lavoratori. Ci sono le condizioni per fare un vero contratto.

Leggi tutto...

RICORSO PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ANNI PRERUOLO AI FINI DELLA RICOSTRUZIONE DELLA CARRIERA

IL RICORSO E' GRATUITO PER GLI ISCRITTI UIL SCUOLA A CUI INTENDIAMO OFFRIRE TUTTO IL SUPPORTO NECESSARIO E L'ASSISTENZA LEGALE PER IL RICONOSCIMENTO DI UN DIRITTO. SOLO IN CASO DI ESITO POSITIVO SARA' CORRISPOSTO ALL'AVVOCATO IL 15% DELLA SOMMA PERCEPITA. SI RACCOMANDA LA LETTURA DELLE RAGIONI DI TALE INIZIATIVA E L'UTILIZZO PER GLI INTERESSATI DEI DOCUMENTI ALLEGATI. E' POSSIBILE RIVOLGERSI ALLE SEDI UIL SCUOLA O ANCHE DIRETTAMENTE ALL'AVVOCATO IL CUI NUMERO TROVATE NELLA SCHEDA DI CHIARIMENTI. 

-  La UIL SCUOLA di Frosinone promuove innanzi al Giudice del Lavoro ricorso per il totale riconoscimento degli anni pre-ruolo al fine di dare la possibilità a tutti i docenti neo immessi in ruolo e a coloro che lo sono da tempo di ottenere ai fini della ricostruzione di carriera il riconoscimento giuridico ed economico dell’intero periodo di servizio pre ruolo. 

- Difatti, con la normativa attualmente in vigore ( Legge 576 del 1970, DPR 399/1988 e Dlgs 297 del 1994) il riconoscimento per intero – ai fini economici e giuridici- del servizio prestato precedentemente l’immissione in ruolo è limitato ai primi 4 anni mentre i successivi sono calcolati per 2/3 (8 mesi).

 - Ciò oltre a produrre effetti sulla ricostruzione di carriere dei docenti – che si trovano a vedere riconosciuti a partire dal quarto anno solo due anni ogni tre, ha delle ovvie conseguenze di rallentamento della progressione stipendiale, ed inoltre incide in maniera rilevante anche sulla somma che il docente riceverà a titolo di pensione (con il sistema contributivo).

Leggi tutto...

GIORNATA MONDIALE CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE


Istituita dall'Onu nel 1999 per ricordare l'assassinio di tre sorelle, torturate e massacrate nel 1960 perché considerate rivoluzionarie, nella Repubblica dominicana del dittatore Trujillo, la Giornata per l'eliminazione della violenza contro le donne si celebra in tutto il mondo venerdì 25 novembre

§  i dati delle Nazioni Unite | il quadro europeo e italiano

§  Il manifesto della UIL

§  Repubblica.it | La strage delle donne: 116 femminicidi dall'inizio dell'anno

§  Corriere.it | La diretta su Corriere tv

§  Rai Cultura | La programmazione speciale

 

http://www.uil.it/uilscuola/node/4767

RINNOVO DEL CONTRATTO: OGGI INCONTRO CON IL MINISTRO MADIA

UIL, CGIL CISL A PALAZZO VIDONI PER CONTRATTO PUBBLICO IMPIEGO. PER LA SCUOLA PARTECIPA IL SEGRETARIO GENERALE PINO TURI. IN ALLEGATO ARTICOLO DE IL MESSAGGERO CHE FA IL PUNTO DELLA SITUAZIONE.

Oggi 24 novembre, Cgil, Cisl e Uil incontreranno la ministra della Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, a palazzo Vidoni.  All'incontro si arriva dopo mesi di lavoro: a luglio c'era stata una prima riunione al ministero, a cui hanno fatto seguito una serie  di colloqui tecnici all'Aran, l'Agenzia che rappresenta  il governo nelle negoziazioni. All’incontro parteciperanno i segretari confederali e i segretari generali delle categorie del pubblico impiego, per la Uil scuola, prenderà parte alla riunione, Pino Turi. E proprio nell’incontro di  oggi - da quanto si apprende - si dovrebbe giungere alla firma dell’accordo.  I temi del confronto sono riassumibili in tre grandi capitoli: risorse per i rinnovi, revisione della legge Brunetta e stabilizzazione dei precari.  Una parte di queste rivendicazioni si incrocia con la manovra, che già prevede un fondo per la P.a, ma senza precisare quale sia la fetta riservata ai contratti. Il confronto di domani con il ministro Madia dovrebbe dunque essere l'occasione per costruire un accordo che sia la base su cui poi avviare i tavoli di contrattazione veri e propri. Nelle previsioni della vigilia anche la predisposizione di un protocollo, simile a quello già realizzato per le pensioni, che sarà firmato dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil. Le modifiche normative, invece, impatteranno sul Testo Unico, che il Governo dovrebbe presentare entro febbraio. In allegato l’articolo de Il Messaggero di oggi che fa il punto sulla trattativa.

BONUS FORMAZIONE DOCENTE: DALLA CARD ALL'APP TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE

IL NUOVO SISTEMA ENTRERÀ IN VIGORE DAL 30 NOVEMBRE, MA NON VI SONO TERMINI DI SCADENZA PER L'ACCREDITAMENTO. ESTRATTO DELLE FAQ SU SPID [ Sistema Pubblico di Identità Digitale]

Questo il link al portale dello SPID: http://www.spid.gov.it/richiedi-spid

Il bonus di 500 euro per l’aggiornamento dei docenti rappresenta, a nostro giudizio, una novità importante. Ne  riconosce lo speciale status ed andrebbe esteso a tutti coloro che sono esclusi .
Ci auguriamo che questa nuova procedura non si traduca in un percorso burocratico che limiti la libertà di scelta, sia per i docenti che dovranno servirsene, che per gli esercenti di beni e servizi connessi.

Dall’anno scolastico 2015-16  i docenti di ruolo della scuola italiana hanno a disposizione 500 euro da spendere per l’aggiornamento professionale. A partire da quest’anno cambia la modalità di erogazione da quella dell’accredito diretto in busta paga ad un nuovo sistema tutto da scoprire.
Chi si aspettava una card fisica resterà deluso, forse era troppo semplice.
Andranno generati dei buoni attraverso una applicazione web.

Leggi tutto...

MOBILITA' ANNUALE: I SINDACATI SOSPENDONO LA TRATTATIVA CON IL MIUR

L'AMMINISTRAZIONE SI E' DI NUOVO PRESENTATA SENZA NESSUNA RISPOSTA SUI NODI POSTI DALLE OO.SS.

Nell’incontro di oggi pomeriggio 17 novembre l’Amministrazione si è presentata al tavolo senza nessuna risposta rispetto ai nodi fondamentali posti da tutti i sindacati nei tre  incontri precedenti. Impraticabile, dunque, la proposta del Miur di continuare il confronto su aspetti secondari della mobilità senza prima aver chiarito i punti nodali su aspetti dirimenti al fine di  decidere se ci sono le condizioni, o meno, per pervenire ad un accordo. Da qui la decisione di FLC CGIL, CISL SCUOLA, UIL SCUOLA e SNALS CONFSAL  di sospendere la trattativa in attesa di un chiarimento a livello politico. In quella sede valuteremo le reali aperture ricevute dal Gabinetto Miur nell'incontro del 10 ottobre scorso, di affidare alla potestà del contratto le regole della mobilità.

INCONTRI AL MIUR: RETI DI SCUOLA E ORGANICO DELL'AUTONOMIA. MOBILITA': IL CONFRONTO NON DECOLLA

LE RETI DI AMBITO NON SONO OBBLGATORIE. LA STRUTTURA AMMINISTRATTIVA NON PUO' "FORZARE" L'AUTONOMIA. MOBILITA': NON è STATO DATO ALCUN RISCONTRO ALLE QUESTIONI POSTE DAL SINDACATO

Il giorno 14 novembre 2016, su richiesta delle organizzazioni sindacali, si è svolto un incontro col Miur per fare il punto sulla costituzione delle reti. Ancora una volta,  abbiamo avuto la riprova che è in atto un tentativo per condizionare la libertà e le scelte delle Scuole, con un'inaccettabile "forzatura" che taluni USR, ed Uffici periferici, stanno operando sulle scelte delle singole Scuole. Il problema nasce dal fatto che gli Uffici scolastici territoriali stanno disattendendo le indicazioni che il Miur ha fornito con la nota 2261 del 22.06.2016 dopo il confronto con i sindacati.

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL-1.doc)INFORMATICONUIL-1.doc

Leggi tutto...

TRA CARD, VOUCER E CONTANTI E' STATA SCELTA LA CARTA DEL DOCENTE

SPERIAMO DI VEDERELA IN TEMPI RAPIDI

Ci sembra che i tempi siano piuttosto stretti visto che la card va generata e consegnata ai docenti che, successivamente, dovranno attivarla con un sistema informatico.
La disposizione giunge dal Miur che pubblica una nota sul suo sito dopo giorni di incertezze e soluzioni tra le più disparate.

Link al sito del miur >>> http://www.istruzione.it/news121116.html

PROVVEDIMENTI PENSIONISTICI: SCHEDA DI APPROFONDIMENTO

ANCHE SE INCOMPLETO E CON CRITICITA' IL PROVVEDIMENTO PENSIONISTICO HA CONCRETIZZATO L'ESIGENZA DI DARE FLESSIBILITA' ALLE REGOLE TROPPO INGESSATE DELLA LEGGE FORNERO. E' UN PRIMO PASSO A CUI ABBIAMO DATO COME SINDACATO CONSENSO, MA CONTINUEREMO A VIGILARE PERCHE' CI SIA RISPONDENZA TRA I CONTENUTI DELL'ACCORDO E LA LORO ATTUAZIONE.

In allegato una scheda di approfondimento sui provvedimenti pensionistici che dovrebbero trovare applicazione nella prossima legge di stabilità. Si segnala  che le previsioni riportate sono il frutto di un protocollo di accordo tra governo e sindacati raggiunto, in tale ambito, l'impegno della organizzazione ha concretizzato l'esigenza di iniziare a dare  flessibilità alle regole troppo ingessate della riforma Fornero e spostati 7 miliardi di euro da altri capitoli di spesa, al sistema previdenziale. Al di là di ogni valutazione sulla materia,  si evidenzia che le previsioni dell'accordo riguardano tutti i lavoratori della scuola, con il riconoscimento della specificità di alcune categorie professionali; tra queste sono inseriti gli insegnanti di scuola dell'infanzia (un primo segnale di attenzione al mondo della scuola, affatto scontato), che in qualità di esposti a lavoro usurante, sono esonerati dalle penalizzazioni previste dalla cosiddetta A.PE. La UIL è, in questa fase, fortemente impegnata nell'azione di vigilanza sulla rispondenza tra i contenuti dell'accordo e le decisioni che per la sua attuazione dovranno essere assunte nei prossimi mesi dal  legislatore.

Francesco Sciandrone                                              Noemi Ranieri

Responsabile nazionale servizi previdenziali             Segretario organizzativo

Attachments:
File
Download this file (Note su A PE .doc)Note su A PE .doc

OFFERTA FORMATIVA IRASE IN CONVENZIONE CON UNITELMA LA SAPIENZA