Notizie

L'INIZIATIVA (GLI UNICI A PROPORLA) PER IL RICONOSCIMENTO GIURIDICO DEL 2013 TROVA CONFERMA IN CORTE DI CASSAZIONE

UN SUCCESSO GRAZIE ALL'AZIONE COSTANTE DEL NOSTRO UFFICIO LEGALE NAZIONALE. EFFETTI POSITIVI ANCHE SULLA PROGRESSIONE ECONOMICA. LEGGI L'ARTICOLO

DIRETTA OGGI ORE 14,30 SU ORIZZONTE SCUOLE E I CANALI SOCIAL DELLA UIL SCUOLA RUA

IL LINK SULL'IMMAGINE

PUBBLICAZIONE GAE PROVVISORIE AA.SS. 2024/2026 - PROVINCIA DI FROSINONE

PUBBLICATE SUL SITO DELL'AMBITO TERRITORIALE

Informiamo che sono state pubblicate sul sito provinciale dell'Ambito Territoriale le Graduatorie Provvisorie Gae  valide per gli aa.ss. 2024/2026.

il LINK

GPS - PROROGA TERMINI AL 24 GIUGNO

SCADENZA ORE 23,59 DEL 24 GIUGNO 2024. IN ALLEGATO L'O.M.

Il termine di presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di aggiornamento delle Graduatorie provinciali delle supplenze previsto dall’articolo 7, comma 3, dell’Ordinanza ministeriale del 16 maggio 2024, n. 88, attualmente fissato al ventunesimo giorno successivo alla pubblicazione della stessa Ordinanza e individuato nel 10 giugno 2024, è prorogato di quattordici giorni. I candidati possono pertanto presentare istanza di partecipazione fino alle ore 23.59 del 24 giugno 2024. Precisazioni: 

a) si precisa che chi ha già maturato i 12 punti al 10 giugno (che si conseguono con almeno 166 giorni di servizio), non ha necessità di modificare la domanda per inserire la nuova data del 24 giugno. Esempio, chi ha un contratto al 30 giugno e ha già inserito la data del 10 giugno, non ha necessità di cambiarla con il 24 giugno.

b) Diverso, invece, è il caso di chi non ha ancora maturato i 166 giorni di servizio al 10 giugno, oppure ha un servizio dal 1° febbraio fino agli scrutini o, ancora, non aveva maturato i 180 gg. servizio al fine di acquisire la terza annualità per inserirsi nella seconda fascia del sostegno. In questi casi, la data del 24 giugno è utile.

REPORT INCONTRO ARAN GIORNO 5 GIUGNO 2024 SUI PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI

LA PROPOSTA DI REVISIONE DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE AVANZATA DALL’ARAN CONTINUA AD ESSERE INACCOGLIBILE. LA LIBERTA’ DI INSEGNAMENTO, AL MOMENTO,  RIMANE UN ESERCIZIO PURAMENTE RETORICO

Per la Uil Scuola Rua hanno partecipato Giancarlo Turi e Roberto Garofani.

La nuova bozza di contratto è del tutto insufficiente, molto distante dal cogliere le legittime aspettative del personale docente. Valuta i  rilievi rappresentati dalle Organizzazioni Sindacali ma si presenta ancora troppo aderente al disposto della legge ed è sempre più preoccupata di non discostarsene troppo. Propone un meccanismo, artificioso e di difficile comprensione, che tende ad eludere le rigidità della legge ma che non si propone di modificarla significativamente. A testimonianza, il testo proposto reca in maniera inequivocabile la seguente locuzione: “Resta, in ogni caso, fermo quanto disposto dal d.lgs. 116/2016 e dagli artt. 55 e seguenti del d.lgs.165/2001”. Per quanto attiene all’altro macro problema da risolvere, quello delle garanzie da porre a base della “libertà di insegnamento”, il testo ripropone uno stanco e stucchevole richiamo al rispetto del principio, ma non prevede alcun meccanismo teso a darne effettiva e piena realizzazione. Per la Federazione Uil Scuola Rua, lo stato della trattativa è reso difficoltoso dalla posizione assunta dall’ARAN nel corso dell’intera sessione di lavoro. Ritenendo insuperabile il disposto della legge, inibisce ogni possibile evoluzione utile proponendo testi di ardua comprensione e di ancor più difficile attuazione. Non va trascurato che gli stessi dovrebbero essere caratterizzati dal massimo della chiarezza per evitare che sfocino in un contenzioso già di amplissime dimensioni. Il procedimento disciplinare del personale docente deve porsi in maniera omogenea rispetto a

Leggi tutto...

PRECARI, “NO SPECIALIZZAZIONI ESTERO EQUIPARATE ALLE ITALIANE. CON 36 PUNTI CI SCAVALCANO”. UIL, “NO A SCELTA DOCENTI DA PARTE DEI GENITORI”

LA SEGRETERIA NAZIONALE RAPPRESENTATA DA PAOLO PIZZO INSIEME A QUELLA REGIONALE CON SAVERIO PANTUSO HA PARTECIPATO ALLA MANIFESTAZIONE DI IERI DAVANTI AL MINISTERO