CONFERENZA DI ORGANIZZAZIONE UIL SCUOLA: UN PASSO DECISIVO VERSO IL CAMBIAMENTO E VERSO LA MODERNITÀ

"NELLE SCUOLE TRA LA GENTE" IL TEMA SCELTO PER LA CONFERENZA

Oltre 700 Rsu , delegati, quadri sindacali, provenienti da tutta Italia, hanno partecipato alla conferenza, che per il sindacato scuola, rappresenta l’appuntamento operativo  di mid-term tra un congresso e l’altro.  Un appuntamento importante di democrazia, dibattito, confronto, idee, scelte. Nei due giorni di lavori si è discusso di scuola reale, quella vissuta in questi giorni dagli insegnati coinvolti nei trasferimenti, di assunzioni, le 25 mila posti che la Uil Scuola chiede per risolvere la questione degli organici, ma anche di contratto e di stipendi. Il sistema scolastico deve essere riportato  alla sua funzione quella stabilita dalla costituzione che la qualifica come funzione e non servizio – ha detto ancora Turi anticipando uno dei temi centrali della Conferenza Uil Scuola -  una funzione alta che ha il compito di trasformare i sudditi in cittadini. Ben  15mila iscritti in più dal 2013, più di 128 mila voti raccolti nelle ultime elezioni del 2015, con un valore  voto per iscritto di 1,50 – sono alcuni dei dati forniti da Noemi Ranieri, segretario organizzativo della Uil Scuola nella sua relazione. I numeri di un sindacato scuola in buona salute, che cresce nei consensi grazie alle idee, alle proposte e alle scelte fatte in questi anni: con  oltre 7mila RSU elette nelle scuole, con un incremento pari all’1,70% rispetto al 2012, e soprattutto unico sindacato confederale   che ha incrementato il dato costantemente,  fino al 16,04% dal 2000. Il rapporto di lavoro non può essere deciso unilateralmente dal Governo, ma richiede una definizione condivisa, pattizia, per decidere nuove relazioni sindacali,  opportunità diverse, riconoscere il lavoro, ridefinirne i carichi,  le  progressioni economiche: sono questi i temi con cui  ridare dignità ai professionisti della scuola – ha detto ancora Ranieri. La contrattazione è essenziale. Il dialogo è lo strumento per la   soluzione condivisa ai problemi, contro chi intende cancellare i diritti contrabbandati per bonus, premi, una tantum, promesse e chimere. La contrattazione è invece il luogo dove le parti condividono percorsi che lascino la libertà ad ognuno di avvalersi del frutto del proprio lavoro, che solo l’intermediazione sindacale rende possibile. Un milione di lavoratori della scuola chiede il rinnovo dopo anni di attesa, ormai insostenibile – è questa una delle questioni centrali sollevate nel corso degli interventi. C’è un’emergenza retributiva che non va sottaciuta -   ha ribadito Turi –  né occultata con polemiche ormai datate come quella del merito. Se ne potrà parlare aprendo il contratto e mettendo le risorse aggiuntive necessarie.

Informazioni aggiuntive