PERSONALE EDUCATIVO: INCONTRO DELLA UIL SCUOLA CON IL DIRETTORE GENERALE PALUMBO

 

E’ stato chiesto un intervento del Miur per rideterminare le consistenze organiche del settore e consentire, quindi, una regolare funzionalità dei Convitti Nazionali, in relazione ad una sempre maggiore richiesta educativa.

E’ stata rappresentata, inoltre, la contraddizione delle politiche messe in atto dal Miur sul bonus al personale educativo: in prima battuta, dopo l’istanza del giudice a seguito del ricorso Uil, è stato assegnato e successivamente, al contrario del personale docente, se ne sono perse le tracce.

Questo atteggiamento del Miur, al fine di tutelare il personale, costringerà la Uil scuola a procedere attraverso atti ingiuntivi nei confronti dell’amministrazione a tutti i livelli.

Infine, abbiamo chiesto al Direttore generale quali politiche intenda mettere in campo il MIUR riguardo ai convitti, considerando il disagio professionale del personale educativo che, pur inquadrato contrattualmente ed economicamente nell’area docente (scuola primaria), ne viene escluso concretamente: per detto personale non c’è chiarezza sul Bonus, né tantomeno l’Organico Funzionale e di Potenziamento.

E’ stato anche ricordato che i concorsi a cattedra per questo personale sono inspiegabilmente “congelati” dal 2000. Una situazione inaccettabile se si tiene conto che siamo in presenza di un costante aumento delle iscrizioni.

La dott.ssa Palumbo ha preso atto delle criticità rappresentate ed ha affermato che opererà da subito per modificare e migliorare il Regolamento di funzionamento delle Istituzioni Educative; Regolamento che potrà subire poi un intervento più radicale per iniziativa del Parlamento.

La delegazione Uil scuola ha espresso apprezzamento per l’attenzione del Direttore generale sulle tematiche rappresentate e ha chiesto la disponibilità della bozza del Regolamento su cui il Miur sta lavorando, per poter portare un contributo ad un miglior funzionamento delle istituzioni convittuali ed alla valorizzazione del personale che vi opera.

Comunque, per la Uil, l’imminente riapertura del CCNL dovrà essere la sede per risolvere le criticità rappresentate, i problemi di “status” e stipendiali.

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL.doc)INFORMATICONUIL.doc

Informazioni aggiuntive