MOBILITÀ: IL MIUR DECIDE DI NON DECIDERE E RIMANDA IL PROBLEMA

Non dando sostanziale applicazione a migliaia di sentenze giurisdizionali che rettificano l'assegnazione della sede di servizio, attiva la prima bomba ad orologeria sulla continuità didattica.

Il fatto: lo scorso anno come è noto l'algoritmo non ha assegnato le sedi di servizio sulla base dell'accordo sottoscritto dai sindacati e i giudici con sentenze esecutive hanno spostato migliaia di docenti dalle sedi assegnate a quelle che avrebbero avuto il diritto di raggiungere. La mobilità dovrebbe omogeneizzare il tutto e dare ordine all'avvio dell'anno scolastico, si è conclusa la prima fase della presentazione delle domande, ma molti  problemi restano. Si profilano all'orizzonte il rifacimento di migliaia di ricorsi che andranno ad intasare le aule dei tribunali, alleggerire le tasche dei docenti e creare problemi al regolare avvio dell'anno scolastico, in termini di ennesimo balletto dei docenti per le classi. Prima che scadessero i termini, questa Segreteria nazionale ha cercato di disinnescare l'ordigno ad orologeria attivato e, attraverso l'allegata nota, ha chiesto all'amministrazione di rivedere le scelte effettuate, per fare chiarezza   su alcuni aspetti inerenti la mancata applicazione, anche nel tempo, dei vari provvedimenti giudiziari, peraltro esecutivi.

LINK    la lettera inviata dalla Uil Scuola al Miur  la risposta del Miur    la nota per la stampa

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL-2.doc)INFORMATICONUIL-2.doc

Informazioni aggiuntive