UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE: NON CI POSSONO ESSERE RESTRIZIONI PER NESSUNO

 

 - No al blocco triennale proposto dall'amministrazione,

 - No al blocco del personale che otterrà il trasferimento.

 Su quest'ultimo punto le regole andavano definite a monte, all'interno del CCNI sulla mobilità.

 Per la UIL questo contratto deve tener presente le reali esigenze di funzionamento delle scuole e rispondere alle esigenze dei lavoratori e degli studenti, garantendo la continuità didattica senza generici divieti punitivi.

 

 Passaggio docenti da ambito a scuola

 

 Nel corso dell'incontro sono state affrontate le questioni relative al passaggio dei docenti da ambito a scuola.

 A seguito dei problemi posti dai sindacati il Capo Dipartimento ha comunicato che:

  - in presenza di candidati non in possesso di requisiti richiesti dalla scuola, in via residuale e in assenza di candidati con requisiti, il dirigente scolastico può decidere anche per l'assegnazione.

 - per i docenti non assegnati alle scuole o che non hanno presentato la domanda, gli USR procederanno all'assegnazione attraverso la catena di viciniorita', a partire dalla scuola individuata dal docente come prima scelta.

 I docenti potranno scegliere le scuole da un minimo di 1 ad un massimo di 10, compresa la scuola da cui vogliono partire.

 - il sistema dovrebbe essere operativo dal 12 giugno.

 Per la UIL scuola hanno partecipato Pasquale Proietti, Paolo Pizzo e Mauro Panzieri.

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL-1.doc)INFORMATICONUIL-1.doc

Informazioni aggiuntive