DECRETO PER IL SERVIZIO INTEGRATO DEI BAMBINI DA 0 A 6 ANNI

Il Coordinamento ha rimarcato la necessità di avviare un confronto sull'attuazione del decreto per trasformare una norma da strumento per rifinanziare interventi sull'edilizia scolastica (finalità certo condivisibile) in occasione di valorizzazione di esperienze e culture educative che debbono incontrarsi. Tutte le criticità dal Coordinamento espresse sul decreto rimangono confermate.  Unica opportunità resta quella del raccordo educativo offerta dalla scrittura delle Linee di indirizzo pedagogiche tra il segmento 0-3 e le Indicazioni nazionali per la scuola dell'infanzia, evitando però le derive assistenzialistiche sempre in agguato.  Se anche questo obiettivo verrà mancato la legge rivelerà tutta la sua debolezza.
Proseguire su questa strada sarebbe inutile se non controproducente, avendo omesso il decreto anche di rimarcare che i servizi educativi non sono a domanda individuale. A quando un reale intervento che stabilisca pari opportunità educative delle bambine e dei bambini di tutta la Penisola?

AIMC, ANDIS, CIDI,  CISL SCUOLA, FLC-CGIL, FNISM, MCE,  SNALS- CONFSAL, UILScuola

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL-4.doc)INFORMATICONUIL-4.doc

Informazioni aggiuntive