BIMBI MALTRATTATI: VIA LE MELE MARCE, MA E' UN SEGNALE DI MALESSERE

NON SI PUO' AVERE CLASSI CON 30 BAMBINI DA GESTIRE, CON 60 GENITORI E IL TUTTO SPESSO IN SOLITUDINE. SI TRATTA DI UN LAVORO USURANTE

(ANSA) - ROMA, 12 GEN - "I casi di maltrattamenti all'interno della scuola non sono la norma, sono casi patologici e le mele marce vanno individuate ed eliminate. Detto questo, il fenomeno e' un segnale di malessere che va analizzato. Noi ci siamo posti il problema e stiamo organizzando un convegno sullo stress da lavoro correlato in cui stiamo coinvolgendo anche psicologi, medici del lavoro e pedagogisti perche' proprio nella scuola si riverberano i problemi di una societa' malata. Va fatta una riflessione sui continui tagli alla scuola, sui docenti i cui stipendi non sono adeguati e non si sentono gratificati, assediati rispetto ad una societa' che non ne riconosce il ruolo, sul delicato lavoro nelle scuola dell'infanzia dove invece continua ad aumentare il numero dei bambini in classe". Lo dice intervistato dall'ANSA il segretario generale della Uil Scuola Pino Turi.    "Un problema cosi' complesso - secondo Turi - non si risolve mettendo le telecamere dentro le scuole. Andrebbe fatto un discorso sulla funzione docente, distinguendola soprattutto dagli educatori che non operano nella scuola dell'infanzia ma in altre strutture. Bsognerebbe scindere i casi di violenza e maltrattamenti da quelli che non lo sono. Oggi ci sono tanti genitori in apprensione e aumentare la pressione psicologica sui docenti non aiuta. Non dimentichiamo anche che ci sono diversi casi di docenti picchiati o maltrattati da genitori", spiega il sindacalista. "Oggi l'insegnante si trova spesso solo, abbandonato a se stesso, a dover gestire classi di 30 bambini, 60 genitori, in ambienti edilizi che a volte 'ti cadono addosso'. Nessuno vuole giustificare, ma capire e prevenire: se c'e' qualche docente stressato, esaurito, va curato prima che scoppi. Si tratta di lavoro usurante che andrebbe considerato anche rispetto al pensionamento". (ANSA)

Informazioni aggiuntive