QUELLI DELL'AZZOLINA SONO NUMERI IRREALI

TURI: ANCORA PROPAGANDA. SERVE UN PROVVEDIMENTO URGENTE PER I 36.000 PRECARI CON UN CONCORSO PER TITOLI ED ESAME FINALE

I posti per le immissioni in ruolo si avranno all’esito dei concorsi e quindi in data incerta, mentre è certo che i posti chiesti in autorizzazione al Mef (circa 80.000 sono quelli comunicati oggi dal ministro) non saranno coperti per mancanza di aspiranti – così il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, dopo l’annuncio del ministro dell’Istruzione.  La conclusione è che a settembre ci saranno ancora centinaia di migliaia di precari, e che andranno considerati i tempi per reclutarli. L’altra certezza – continua Turi - è che in classe non ci saranno tutti i docenti. Bisognerebbe credere ad un miracolo della digitalizzazione - che potrà sì abbreviare i tempi - ma abbiamo grandi perplessità sulla loro presenza nei tempi canonici dell’avvio di anno scolastico. Si è ancora in tempo – rilancia Turi - per pensare ad un provvedimento, urgente, per immettere i 36.000 precari con un concorso per titoli ed esame finale. Si continua con la propaganda per nascondere la polvere sotto il tappeto.

Informazioni aggiuntive