RIMANE IL VINCOLO QUINQUENNALE. NO AI TRASFERIMENTI

BOCCIATO ALLA CAMERA ANCHE L'ORDINE DEL GIORNO PROPOSTO DALL'EX MINISTRO FIORAMONTI CHE IMPEGNAVA A RIVEDERLO

Fioramonti spiega che l’Odg “non stabiliva come andasse rivisto: chiedeva semplicemente di impegnarsi a rivederlo nella modalità e nei tempi opportuni. Più blando di così non si può!”. A votare contro sono stati “sia la maggioranza sia l’opposizione (eccetto i pochi puntini verdi di alcuni colleghi del Gruppo Misto). Questo mi sembra un fatto importante da ricordare, soprattutto quando poi i partiti si dicono favorevoli alla mobilità degli insegnanti negli annunci social o ai comizi strappaconsensi”, conclude. Non possiamo che essere d'accordo con l'ex ministro soprattutto in relazione al blocco quinquennale per chi lavora fuori regione e provincia.

Informazioni aggiuntive