Notizie

CRESCE MOLTO LA FIDUCIA DEGLI ITALIANI NEI SINDACATI:

E' QUANTO EMERGE DAL SONDAGGIO ANNUALE DI DEMOS SU "GLI ITALIANI E LO STATO".

Turi: all’Aran arriva un monito dalla società ben più forte di qualunque atto di indirizzo. Dovrebbe consigliare all’agenzia di contrattazione maggiore disponibilità e confronto di merito. 

Dopo il Papa e le forze dell’ordine, la scuola è saldamente al terzo posto nella fiducia degli italiani nelle istituzioni: è quanto emerge nel sondaggio annuale di Demos su ‘gli italiani e lo Stato’. Nello stesso sondaggio si vede che, nella fiducia degli italiani, salgono le organizzazioni sindacali,  mentre è sempre più bassa quella dei partiti che sono all’ultimo posto.  E’ facile desumere che quanti profetizzavano la discesa, fino alla scomparsa, del ruolo di intermediazione sociale delle forze sindacali si dovranno ricredere – commenta il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi.  Ci auguriamo, e su questo saremo ancora più intransigenti nelle nostre rivendicazioni  – aggiunge Turi -  che i lavoratori, al di là delle facili strumentalizzazioni, delle false notizie organizzate ad arte, continuino a darci la loro fiducia.  Ciò deve valere ancora di più per il personale della scuola che rappresenta ed interpreta un modello di scuola libera, democratica e partecipata che gli italiani mostrano di riconoscere come elemnto positivo, riponendo in modo significativo e stabile, proprio nel nostro sistema di istruzione, la loro fiducia.  La scuola, si rivela, ancora una volta, istituzione solida in un quadro più generale di sfiducia. Nella contesa elettorale, sarà certamente al centro del dibattito.  All’Aran che è impegnato in un duro scontro con i sindacati per il rinnovo del contratto di lavoro – osserva il segretario generale della Uil Scuola –  arriva un monito dalla società,  ben più forte di qualunque atto di indirizzo,  che  dovrebbe consigliare maggiore disponibilità e confronto di merito.  Ai  partiti politici, di maggioranza e di opposizione, chiediamo interventi concreti a sostegno di tutte le professionalità che la compongono. Bisogna smettere di utilizzarla – conclude Turi  - come terreno di scontro politico.

CEDOLINI GENNAIO: MANCATA APPLICAZIONE DEL GRADONE (SCATTO DI ANZIANITA')

ABBIAMO IMMEDIATAMENTE ATTENZIONATO RAGIONERIA DELLO STATO

Ci sono pervenute numerose segnalazioni riguardanti la mancata applicazione in busta paga del gradone successivo alla scadenza fissata al 31.12.2017, per coloro che l’hanno maturata. Abbiamo immediatamente attenzionato la struttura nazionale e interpellata la ragioneria territoriale. Abbiamo avuto come riscontro che si stanno già adoperando per contattare il Centro (dal quale dipende il disservizio), per capire a cosa possa essere dovuto tale inconveniente. Si tratta della normale progressione per gradoni che non ha subito alcun intervento normativo che possa giustificare un tale intervento. Vi terremo informati non appena avremo comunicazioni più dettagliate da parte della ragioneria della causa che ha determinato tale inconveniente.

INDICAZIONI OPERATIVE PENSIONAMENTI 2018

NOTA RELATIVA ALLA CIRCOLARE INPS 4 DEL 17 GENNAIO 2018

In allegato la nota Uil Scuola relativa alla circolare Inps n. 4 del 17/01/2018con la quale si dettano disposizioni operative per i pensionamenti che decorrono da 01.09.2018.

CONTRATTO: MESSAGGI FALSI E FALSA PROPAGANDA

LA UIL SCUOLA E' GARANTE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE DI UN CONTRATTO DEGNO DI QUESTO NOME PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA

In queste ore, ci risulta, stiano circolando in rete dei messaggi anonimi che, a fronte di notizie relative ai contenuti della bozza di testo del CCNL (anche false), invitano gli iscritti ad operare la disdetta sindacale."Gli artefici" di tali messaggi evidentemente reputano questo tipo di azione sindacale efficiente; a parere nostro non aiutano la categoria, anzi rappresentano una minaccia per i lavoratori. Si tratta di propaganda di basso profilo che si combatte solo parlando con le persone, dando loro l'informazione giusta (ogni giorno che c'è stato un incontro abbiamo sempre informato come si può vedere anche dal nostro sito). I problemi e le difficoltà che ci stanno portando in queste ore a valutare se sottoscrivere o meno il contratto, è vero, sono reali. Tuttavia assimilare una buona azione sindacale alla semplice NON firma di un contratto non è nelle politiche della UIL Scuola che, come sempre, cercherà fino alla fine, sulla base del merito contrattuale ed attraverso un confronto serrato, di convincere il "datore di lavoro" alla stesura di un testo che tuteli gli interessi dell' intera categoria (iscritti e non). La Uil Scuola, da sempre, ha rappresentato un riferimento credibile nella sua azione di protesta alla soluzione concreta dei problemi. Un riferimento che trova, nei propri dirigenti, disponibilità, serietà e competenza.
QUALORA L'OTTUSITA' DEI BUROCRATI E DELLA POLITICA NON DIA RISPOSTE A QUANTO DA NOI RICHIESTO E FISSATO NELL'ACCORDO DEL 30 NOVEMBRE DI PALAZZO VIDONI, SAREMO PRONTI A TUTTE LE AZIONI A TUTELA DEI LAVORATORI DELLA SCUOLA.

DIRITTO ALLO STUDIO: PERMESSI RETRIBUITI 2018

PUBBLICATI GLI ELENCHI DEFINITIVI

Permessi per il diritto allo studio per il personale docente, educativo ed A.T.A. – Pubblicazione elenchi definitivi

Il LINK

CONTRATTO: RIUNIONE ALL'ARAN DEL 17 GENNAIO

LA STRADA E' GIUSTA MA ANCORA LUNGA. QUALCHE PASSO AVANTI MA RESTA MOLTO DA FARE. ALL'ESAME LE RELAZIONI SINDACALI LA CUI MATERIA E' PROPEDEUTICA ALLA FIRMA DEL CONTRATTO. IN ALLEGATO LA NOTA UNITARIA

È proseguito nella giornata di ieri, 17 gennaio, il confronto tra le organizzazioni sindacali rappresentative del comparto Istruzione del settore scuola e l'Aran sul rinnovo del contratto. Positivo il fatto che si sia deciso di lasciare il "corpus" del contratto vigente ed inserire solo le modifiche concordate. Il confronto si è incentrato solo sulle relazioni sindacali, materia propedeutica alla firma del contratto, con particolare riferimento a quelle di scuola, partendo da un testo di lavoro presentato dall'Agenzia che presenta degli avanzamenti rispetto a quelli delle precedenti riunioni. Restano comunque dei nodi da sciogliere. La Uil Scuola ha indicato le materie che vanno incluse. Innanzi tutto va 'arricchita' la contrattazione a livello di scuola, per incentivare l'autonomia  e mettere le scuole nelle condizioni di funzionare al meglio. Va chiarito che, per le decisioni interne alla scuola, non si deve fare riferimento alla 'partecipazione' ma all'informazione o alla 'contrattazione integrativa' di scuola. Eliminare dal testo le parole 'servizio' e 'utenti', che attengono al pubblico impiego, e parlare di 'qualità'. Ad avviso della Uil Scuola nel testo presentato sono state dimenticate alcune questioni: alternanza scuola-lavoro, contrattualizzazione del passaggio del personale docente da ambito a scuola. Per la disciplina dell'atto unilaterale si tratta di chiarirne l'ambito, circoscrivendolo alle clausole irrisolte. Servono inoltre sedi di raffreddamento dei conflitti, strumenti per garantire la trasparenza delle scelte e dei compensi ed una tempistica certa per la contrattazione. Per la Uil Scuola i criteri per l'attribuzione del "bonus" va demandato alla contrattazione di scuola e non possono esserci né paletti né impedimenti alla mobilità annuale. La triennalità deve riguardare la contrattazione ma non la possibilità per il personale di muoversi ogni anno. Oggi si è registrato un contesto più fruttuoso. Rispetto agli incontri precedenti si comincia a vedere la direzione di marcia anche se la strada resta ancora lunga.

VERTENZA DIPLOMATI MAGISTRALI: INCONTRO CON L'USR DEL LAZIO

INFORMATIVA SU RICHIESTA DELLE OO.S.. DEL LAZIO

Nella giornata di ieri si è tenuta l'informativa  c/o l'USR Lazio su richiesta delle OO.SS in merito ai diplomati magistrali inseriti in Gae. Per l'amministrazione era presente   la dott.ssa Spallino. Nel merito  ha fatto presente che nel Lazio i numeri sono abbastanza contenuti rispetto ai dati nazionali. L'USR Lazio ha accantonato i posti di ruolo fino al giudizio di merito. Complessivamente  nel Lazio sono state applicate 7 sentenze in più essendo  passate in giudicato. Le nomine in ruolo effettuate sono 188. Va considerato, al fine di non creare allarmismi di diversa natura che per adesso non viene revocata nessuna nomina. Si resta in attesa del parere   dell'avvocatura di Stato, in merito alla sentenza del c.d.s In allegato il file con la ripartizione per Provincia

Attachments:
File
Download this file (Scansione.pdf)Scansione.pdf

VALUTAZIONE, CERTIFICAZIONE COMPETENZE ED ESAMI DI STATO

LA SCHEDA UIL SCUOLA

Il Decreto legislativo 62 del 13 aprile 2017, in attuazione della legge 107/2015 ha introdotto novità sulla certificazione delle competenze e sulla valutazione, modificando i principi a cui le scuole devono attenersi per queste attività, risalenti al 2008, quando il dpr 22 reintrodusse la scala decimale di riferimento.  In prossimità  della scadenza quadrimestrale a cui la maggior parte delle scuole si attiene nella gestione delle sintesi valutative  mettiamo  a disposizione  una scheda di approfondimento sui principali elementi a cui i docenti dovranno riferirsi per  svolgere  l’importante funzione valutativa.
Il decreto presenta luci ed ombre. Il lavoro di approfondimento ha portato la Uil Scuola ad evidenziare alcune criticità  che riportiamo a conclusione dell’analisi.

Attachments:
File
Download this file (SCHEDA VALUTAZIONE.doc)SCHEDA VALUTAZIONE.doc

CORSO DI FORMAZIONE: SCUOLA E SOCIETA'

FORMAZIONE IRASE SU PIATTAFORMA SOFIA. LA SCHEDA DEL CORSO E IL MODELLO DI ISCRIZIONE. IL CORSO E' STATO PENSATO ANCHE PER IL BANDO CONCORSO A DIRIGENTE SCOLASTICO

Il percorso formativo, in modalità blended, è rivolto a docenti di ogni ordine e grado, a docenti con funzione di responsabilità e coordinamento e dirigenti scolastici che intendono approfondire le loro conoscenze e competenze in relazione a:
 Normativa e organizzazione del lavoro nel sistema educativo d’istruzione
 Responsabilità nella riforma della P.A.
 Complessità organizzativa
 Autonomia e Innovazione
 Contesto europeo

Si ALLEGA SCHEDA E MODELLO DI ISCRIZIONE predisposta da IRASE Nazionale in merito ad una percorso formativo articolato e di ampio respiro, reso disponibile sulla piattaforma istituzionale miur SOFIA. Il percorso è utile anche per coloro che intendono completare la loro preparazione per lo  svolgimento di incarichi  di coordinamento delle attività  scolastiche, di partecipazione e di  gestione degli organi collegiali e di sviluppo della efficacia/ efficienza organizzativa delle istituzioni scolastiche.

CONTRATTO; REPORT DELL'INCONTRO ALL'ARAN DEL 15 GENNAIO

IL REPORT

Ieri si è tenuto il previsto incontro relativo alla trattativa per il rinnovo del CCNL. In premessa di riunione, l'Aran ha presentato un documento che consente la comparazione della precedente bozza di articolato con il contratto scuola attualmente in vigore. Si tratta di un documento riassuntivo delle proposte precedenti che di nuovo contiene lo schema di articolato relativo agli aumenti retributivi, senza però le tabelle e le cifre relative. La discussione si è focalizzata sulle procedure relative alle sanzioni disciplinari, sui criteri generali delle relazioni sindacali e sull'illustrazione dell'articolato relativo agli adeguamenti retributivi. La UIL, per evitare una discussione poco produttiva dal punto di vista dei tempi del negoziato, ha riproposto le questioni che sono dirimenti per la sottoscrizione di un accordo che dal punto di vista del metodo di lavoro che cambia ogni volta, allunga i tempi anche se il Presidente dell'Aran lo ha addebitato al mancato arrivo dell'atto di indirizzo integrativo di quello originale che dovrebbe fare chiarezza sulle risorse disponibili. In particolare, la fedele attuazione dell'accordo del 30 novembre con il recupero pieno delle materie da contrattare a livello di singola Istituzione scolastica, il riconoscimento economico medio degli 85 euro, la salvaguardia del bonus degli 80 euro e la contrattualizzazione delle risorse della 107 , premessa per la sottoscrizione del contratto. In questo ambito, lo schema di contratto per la parte retributiva appare coerente con gli obiettivi posti, va completato con le tabelle e le cifre, così come vanno trovate soluzioni per le sanzioni disciplinari specie per i docenti che nella proposta dell'Aran, subiscono un'inaccettabile omologazione al lavoro amministrativo, senza nessuna tutela della libertà di insegnamento, peraltro richiamata dallo stesso T.U. e dall'atto di indirizzo. Si tratta di una situazione delicata che merita un approfondimento tecnico giuridico che, se si dovesse prolungare nel tempo e si convenisse, si potrebbe portare a sequenza contrattuale per evitare pasticci giuridici inaccettabili. Immancabile, a fine seduta la solita posizione intransigente dell'Aran che ritiene di dover limitare le materie di contrattazione, sia nelle scuole che sul livello nazionale, derubricandole al livello di confronto ed informazione. Una riunione, ancora interlocutoria che si è conclusa con un rinvio a mercoledì prossimo in cui affrontare il nodo delle relazioni sindacali che diventa, sempre più urgente da risolvere per la conclusione del negoziato. Abbiamo chiesto un'accelerazione del negoziato facendo presente che si sta mettendo a dura prova la pazienza dei lavoratori che attendono da dieci anni il rinnovo del proprio contratto e, su questo, la UIL non starà certo a guardare.

VISITE FISCALI: COSA CAMBIA DAL 13 GENNAIO

LE NUOVE REGOLE IN UNA SCHEDA UIL SCUOLA

In allegato una scheda Uil Scuola con le nuove regole che entreranno in vigore dal 13 gennaio 2018. Cosa cambia e cosa resta invariato.

CONTRATTO SCUOLA: ANCORA NON CI SIAMO

SU RELAZIONI SINDACALI E RISORSE CONTRATTUALI RISPOSTE DELUDENTI E PARZIALI. PROSSIMO INCONTRO L'11 GENNAIO

Abbiamo ricevuto risposte deludenti e parziali su relazioni sindacali e aumenti retributivi - commenta il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, dopo l'incontro di questa mattina all'Aran. Ci sono troppe rigidità per un settore che invece ha bisogno di flessibilità e di misure specifiche. E' proprio su questo punto che abbiamo chiesto, e ottenuto, un calendario di incontri sulle specifiche sezioni (scuola, università , ricerca e Afam). In merito ai tempi, l'orientamento è quello di una trattativa da svolgere in maniera rapida. Per poterlo fare servono delle pre-condizioni che al momento non ci sono. Insisteremo per chiedere un contratto che non sia in contrasto con i principi costituzionali omologandolo con quello delle 'Funzioni centrali' (Statali). La normativa è obbiettivamente complessa ma con le rigidità da ambo le parti non si risolvono i problemi. Abbiamo dimostrato ampia disponibilità ci aspettiamo risposte coerenti per portare a termine il negoziato. Nell'articolato che l'Aran starebbe predisponendo restano da risolvere le questioni legate a:

  • riequilibrio nei rapporti tra dirigente scolastico e organi collegiali, salvaguardando l'autonomia di questi.
  • La modifica delle norme di legge (107 e Brunetta) nella direzione della specificità della scuola, superando la sindrome impiegatizia e le rigidità burocratiche.
  • Nella stessa ottica vanno viste le sanzioni per il personale della scuola che vanno riviste
  • Resta sempre sullo sfondo l'esigenza di garantire gli 85 euro medi procapite di comparto previsti dall'accordo del 30 novembre.

Prossimo incontro - per la scuola - è fissato per l'11 gennaio alle 9.30

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL-2.doc)INFORMATICONUIL-2.doc

DIPLOMATI MAGISTRALI. TURI: NON CI SARA' LICENZIAMENTO DI MASSA

BISOGNERA' ATTENDERE PARERE AVVOCATURA, RECLUTAMENTO SPECIFICO PER INFANZIA E PRIMARIA. IN ALLEGATO NOTA UNITARIA: MANTENERE SUPPLENZE E APRIRE GRADUATORIE D'ISTITUTO

Le dichiarazioni di Pino Turi, segretario generale della UIL Scuola dopo l’incontro al Miur. Innanzitutto i numeri. Il Ministero ha comunicato che i ricorrenti sono 43.600, dei quali più di 6.000 assunti in ruolo con riserva pur se con riserva non essendo destinatari di sentenze passate in giudicato. Il fenomeno – ci spiega Turi – interessa in particolare le regioni del Nord perché qui erano i posti disponibili (Lombardia Piemonte Veneto ed Emilia Romagna), al sud fenomeno è al 5%. Il Miur non opererà un licenziamento di massa, ma bisognerà attendere il parere dell’Avvocatura dello Stato, che esprimerà una interpretazione tecnico- giuridica della sentenza del Consiglio di Stato. Il Miur si è impegnato a mantenere aperto il tavolo, per cui i sindacati saranno convocati nuovamente. Gli Uffici Scolastici regionali sono fermi, non prenderanno decisioni autonome. Per il reclutamento occorre un provvedimento legislativo, ma bisognerà attendere la nuova legislatura. Infanzia e primaria sono state trascurate dalla riforma del reclutamento, che al momento interessa solo la secondaria.Sono coinvolte migliaia di persone e la necessità è quella di evitare una nuova “lotta tra i poveri”

Attachments:
File
Download this file (INFORMATICONUIL.doc)INFORMATICONUIL.doc

VISITE FISCALI: NUOVO REGOLAMENTO IN VIGORE DAL 13 GENNAIO 2018

PUBBLICATO SULLA GAZZETTA UFFICIALE. L'OBBLIGO DI REPERIBILITA' PERMANE ANCHE DOPO LA VISITA FISCALE E SUSSISTE ANCHE NEI GIORNI NON LAVORATIVI E FESTIVI

Sulla Gazzetta Ufficiale - serie generale n. 302 del 29 dicembre 2017 è stato pubblicato il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri n 206 del 2017 con cui sono state regolamentate le modalità di svolgimento delle visite fiscali nonché di accertamento delle assenze per malattia dei dipendenti pubblici. L'art. 3 del decreto, rubricato "fasce orarie di reperibilità", prevede che "in caso di assenza per malattia, le fasce di reperibilità dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. L'obbligo sussiste anche nei giorni non lavorativi e festivi". Le disposizioni entreranno in vigore il 13 gennaio 2018.Rispetto al precedente DPCM 206/2009, espressamente abrogato dalle nuove disposizioni, segnaliamo che non è più previsto il venir meno dell'obbligo di reperibilità nel caso in cui sia stata già effettuata la visita fiscale.

CONTRATTO SCUOLA: OGGI SECONDO INCONTRO ALL'ARAN. CHIESTO UN CALENDARIO SERRATO DI INCONTRI

TURI: RIAFFERMATO IL CONCETTO DI BUROCRAZIA ZERO PER QUESTO CONTRATTO
Uil: non c’è logica di scambio, piuttosto un principio, peraltro parziale, di risarcimento economico e normativo dopo dieci anni di blocco del contratto. La UIL Scuola, ritiene che il tempo per rinnovare il contratto sia abbondantemente scaduto e bisogna fare presto, contemporaneamente, non è disponibile a sottoscrivere un contratto pur che sia che non risponda al modello di scuola che, peraltro abbiamo indicato nel manifesto della scuola di tutte e tutti.

Il riavvio della trattativa del 2 gennaio all’Aran, e la firma del contratto degli Statali, fanno ben sperare di poter chiudere rapidamente. Abbiamo chiesto un calendario serrato di incontri. Il prossimo è fissato per oggi giovedì 4 gennaio quando si parlerà di relazioni sindacali e Rsu. Bisogna, tuttavia, che il contratto del comparto sia visto e discusso nella sua specificità e non come un’omologazione di quello del settore ammnistrativo. Siamo in presenza di una funzione essenziale dello Stato e non di una semplice erogazione di un servizio. Serve un contratto che (ri)dia dignità e ruolo al personale, attraverso gli organismi di autogoverno. Dobbiamo superare con la stipula del contratto, una vera e propria interruzione della democrazia partecipativa di questo Paese e riportare alla sua fisiologia, il sistema scolastico statale. Il rinnovo contrattuale, arriva dopo molti anni di blocco, un tempo infinito per una comunità che vive e gestisce i continui cambiamenti sociali: va realizzato un contratto che riconosca le specificità della scuola. Va evitato ogni rischio di un contratto che sia costituito su una logica impiegatizia. Ci dobbiamo sforzare di fare un contratto che sia cucito sulla specificità della scuola. Deve essere un contratto a burocrazia zero che, partendo dai necessari presupposti di supporto economico degli 85 euro e del ripristino di corrette relazioni sindacali, previsti dall’accordo del 30 novembre, dovrà trovare i correttivi ad istituti della 107 che si sono rilevati fallimentari e che stanno indebolendo il livello di qualità della nostra scuola statale. Occorre, spostare l’asse delle decisioni dall’organo monocratico agli organi collegiali e riportare fisiologicamente, al rango che le compete, quello costituzionale, la libertà di insegnamento, così come previsto dalla legge. Quanto all’aspetto economico, a legge di bilancio approvata, appare, ora necessario contrattualizzare le varie risorse come elemento di rilancio di un settore che ha pagato oltre ogni limite accettabile la crisi finanziaria di questi anni. Pertanto, in questo contratto non ci può essere una logica di scambio piuttosto un riallineamento dei diritti ed obblighi del personale, messi in discussione anche dalle scelte sbagliate della legge 107 che vanno modificate e riportate nell’alveo del modello di scuola partecipata, autogovernata, integrata nella più ampio principi di autonomia, previsti dal titolo V della costituzione. La UIL Scuola, ritiene che il tempo per rinnovare il contratto sia abbondantemente scaduto e bisogna fare presto, contemporaneamente, non è disponibile a sottoscrivere un contratto pur che sia che non risponda al modello di scuola che, peraltro abbiamo indicato nel manifesto della scuola di tutte e tutti. Non si tratta solo di una battaglia sindacale, ma anche culturale a cui le forze politiche sono chiamate a rispondere con i loro programmi nelle imminenti elezioni politiche.

DIMENSIONAMENTO SCOLASTICO: DELIBERA DELLA GIUNTA REGIONALE

LA DELIBERA IN COPIA IN ALLEGATO APPROVATA DALLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO IL 28 DICEMBRE

Pubblichiamo in allegato la delibera n° 919 della Giunta Regionale del Lazio del 28 dicembre 2017

Attachments:
File
Download this file (DGR n.919 del 28.12.2017.pdf)DGR n.919 del 28.12.2017.pdf

DIPLOMATI MAGISTRALI E SENTENZA CONSIGLIO DI STATO: CONVOCATI AL MIUR I SINDACATI

FISSATA LA CONVOCAZIONE IL 4 GENNAIO ALLE ORE 15

In quella sede verranno sviscerate tutte le questioni e verrà richiesta, come anticipato dal segretario generale Turi, una soluzione politica al problema posto dalla sentenza n°11 del 20 dicembre 2017.

CONTRATTO SCUOLA: RIPARTE IL 2 GENNAIO LA TRATTATIVA

ACCOLATA LA NOSTRA RICHIESTA DI APERTURA IMMEDIATA DEL NEGOZIATO. IN ALLEGATO IL COMUNICATO UNITARIO

Fissato per il 2 gennaio 2018 alle ore 15 all’ARAN l’incontro di riavvio del confronto sul rinnovo del contratto scuola. La convocazione è il frutto  di una azione sindacale compatta e costante della UIL che, anche a ridosso  delle festività natalizie, ha fatto sentire la pressione di centinaia di migliaia di lavoratori  in attesa , da troppi anni , del  giusto riconoscimento al  proprio lavoro.

ATA: GLI INCARICHI FINO AD AVENTE DIRITTO VANNO PROROGATI FINO AL 31 AGOSTO O 30 GIUGNO SECONDO LA TIPOLOGIA DI POSTO

CIRCOLARE DEL DIRETTORE GENERALE DEL USR DEL LAZIO

ferme restando le autonome determinazioni dei Dirigenti Scolastici, ritiene che si possa procedere (entro il 31 dicembre p.v.) alla proroga delle supplenze conferite fino all’avente diritto, con le modalità prescritte (fino al 31 agosto 2018 per supplenze su posti vacanti e disponibili; fino al 30 giugno 2018 per posti che non siano vacanti e disponibili).
Quanto sopra espresso risponde alla ratio di garantire “l’interesse generale dell’Amministrazione scolastica …a veder assicurata la continuità dei servizi amministrativi, tecnici ed ausiliari evitando al contempo il verificarsi didisservizi che possano arrecare pregiudizio alla continuità amministrativa delle scuole….”. Al contempo, si fa richiamo all’ “interesse soggettivo in capo al personale amministrativo, tecnico e ausiliario attualmente in servizio con contratti di lavoro stipulati fino alla nomina dell’avente diritto a veder ragionevolmente definita la durata del rapporto di lavoro in essere”.
IL DIRETTORE GENERALE
Gildo De Angelis

FIRMATA INTESA CONTRATTO SU MOBILITA' 2018/19: PROROGATO IL CONTRATTO DEL PRECEDENTE ANNO

CONFERMATE TUTTE LE PARTI DEL CONTRATTO 2017/18. I PUNTI PRINCIPALI DEL CONTRATTO

Fasi

La mobilità avverrà in due fasi: provinciale e interprovinciale.

Domanda unica

La domanda di trasferimento sarà unica, sia provinciale che interprovinciale, e le preferenze nell’unico modulo di domanda potranno essere 15, comprensive delle sedi sia provinciali che interprovinciali. All’interno delle 15 preferenze esprimibili, sarà possibile chiedere fino a 5 scuole di uno stesso ambito o di ambiti differenti.

Modalità presentazione domande

Le domande del personale docente saranno presentate telematicamente, tramite il potale Istanze On Line.

Le aliquote

Ai trasferimenti interprovinciali sarà destinato il 30% dei posti disponibili dopo i trasferimenti provinciali. Ai passaggi di cattedra e di ruolo il 10%.

Scelta sedi

Sarà possibile indicare scuole e ambiti territoriali, per cui la titolarità sarà su scuola per chi otterrà il trasferimento in una delle scuole indicate, su ambito se si otterrà il trasferimento su ambito.

Tabella titoli

La valutazione del servizio pre-ruolo e/o in altro ruolo varrà 6 punti come il servizio di ruolo.

Deroga al vincolo triennale

Confermata anche la deroga al vincolo triennale di permanenza nella provincia di titolarità e nella scuola in cui si è ricevuto l’incarico triennale, per cui tutti i docenti, compresi i neo assunti (assunti cioè il 01/09/2017), potranno presentare domanda di mobilità sia provinciale che interprovinciale.

DIPLOMATI MAGISTRALI 2001/2002:SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO SFAVOREVOLE. TURI: SERVE UNA SOLUZIONE POLITICA. QUESTO SUCCEDE QUANDO SI DELEGA ALLA MAGISTRATURA LA SOLUZIONE DEI PROBLEMI

IN ALLEGATO LA SENTENZA E LA NOTA DELL'UFFICIO LEGALE UIL SCUOLA. IL LINK DELL'INTERVISTA A PINO TURI SU ORIZZONTE SCUOLA

Una soluzione politica – questa la richiesta del segretario generale della Uil scuola, Pino Turi,  per superare la situazione nella quale verranno a  trovarsi migliaia di insegnanti diplomati alle magistrali, dopo la sentenza del Consiglio di Stato.

I numeri

55.000/60.000

ricorrenti inseriti con riserva in Gae

2.300

ricorsi passati già in giudicato tra immissioni in ruolo ed inserimento in Gae

1.300 circa

ricorrenti immessi in ruolo con riserva

80%

dei ricorrenti provengono dal Centro/Sud ma quasi tutti inseriti nelle graduatorie del Nord

Si è creata una situazione paradossale nella quale la stratificazione burocratica delle norme va ad incidere sul lavoro e sul futuro delle persone– aggiunge Turi. Questo accade quando la politica   delega alla  magistratura la soluzione dei problemi. Chiederemo alla Ministra Fedeli di assumere la vicenda e riportarla nell’alveo giusto: quello della buona politica. D’altra parte che il titolo dei diplomati magistrali, prima del 2001/2002 – precisa Turi -  sia abilitante non è messo in discussione neanche dalla Sentenza del Consiglio di Stato, in adunanza plenaria. Siamo intenzionati – aggiunge Turi  - a indicare e perseguire soluzioni politiche e sindacali per garantire i lavoratori senza che siano costretti a cadere nell’alea dei contenziosi e nei ricorsi giurisdizionali che, per loro natura, non sono in grado di dare risposte collettive, ma solo individuali. Siamo in presenza di un evidente disparità di trattamento – sottolinea Turi – che abbiamo già evidenziato quando si è discusso della delega sulla formazione iniziale dei docenti della secondaria. Quell’impianto presenta, infatti, una inaccettabile disparità di trattamento, proprio perché lascia fuori il segmento primario che avrebbe titolo ad avere la fase transitoria di reclutamento, in modo analogo a quanto previsto per i colleghi della secondaria. Il punto di partenza è dunque quello dell’unicità della funzione docente – osserva il segretario generale della Uil Scuola -   è da lì che bisogna partire per trovare il bandolo della matassa,  ma per farlo occorre un provvedimento normativo che è ormai affidato alla prossima legislatura. Continueremo nelle azioni legali, anche a livello europeo, se non ci saranno le risposte certe che, a questo punto, sono doverose, non solo per i lavoratori, ma anche per le scuole, le famiglie e gli studenti stessi.

PERMESSI RETRIBUITI PER MOTIVI DI STUDIO 2018: ELENCHI PROVVISORI

PUBBLICATI DALL'AMBITO TERRITORIALE

Permessi per il diritto allo studio per il personale docente, educativo ed A.T.A. – Pubblicazione elenchi provvisori

GRAVISSIMO STALLO SUL CONTRATTO

NOTA UNITARIA INVIATA AL MINISTRO FEDELI. BLOCCATO DAI SINDACATI QUALSIASI ALTRO INCONTRO PROGRAMMATO CON L'AMMINISTRAZIONE SE PRIMA NON SI SBLOCCA LA VERTENZA CONTRATTAUALE

Le scriventi organizzazioni sindacali esprimono forte preoccupazione a fronte della situazione di stallo che sta registrando la trattativa per il rinnovo del contratto e per i segnali negativi che si registrano nella discussione sulla legge di bilancio, dove ad oggi non trovano risposta molte questioni riguardanti il settore scuola, oggetto di ripetuti confronti e conseguenti assunzioni di impegni a diversi livelli. In particolare non risulta accolta la richiesta di rendere disponibili per il contratto ulteriori risorse, attraverso la costituzione di uno specifico fondo, mentre si diffondono voci che vedrebbero il personale scolastico penalizzato anche per quanto riguarda la ripartizione dei fondi ad oggi stanziati per il rinnovo dei contratti pubblici. Le scriventi organizzazioni, mentre rivendicano una coerente applicazione di quanto prevede l’intesa di palazzo Vidoni sia per l’entità degli aumenti da garantire a tutti i lavoratori, sia per la scelta di privilegiare le fasce retributive più svantaggiate, sia infine per l’impegno a ricondurre alla disciplina negoziale tutto ciò che riguarda la gestione del rapporto di lavoro dal punto di vista economico e normativo, ritengono indispensabile e urgente un incontro di verifica con la S.V. su una situazione la cui criticità appare ogni giorno più evidente. Chiedono a tal fine di essere quanto prima convocate, comunicando che nel frattempo non prenderanno parte ad altri incontri già programmati con l’Amministrazione. Confidando in un sollecito è positivo riscontro alla presente richiesta, alla luce del costruttivo rapporto fin qui mantenuto nell’ambito delle relazioni sindacali.

CONTRATTO: LA TRATTATIVA E' IN UN PERICOLOSO STALLO

GLI 85 EURO MENSILI NON SONO TRATTABILI. SOLO IL CONTRATTO PUO' RIDARE DIGNITA' AL LAVORO E AI LAVORATORI

La trattativa per il rinnovo contrattuale del comparto Istruzione e ricerca è in stallo. Lo denunciano i segretari generali di FLC Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola Rua e Snals Confsal, ritenendo inaccettabile che dal 9 novembre, data di inizio del negoziato, non si sia fatto alcun passo in avanti. I sindacati hanno dimostrato la più ampia disponibilità al confronto, pur mantenendo alcuni punti fermi su cui non sono disponibili a trattare al ribasso, a partire dagli 85 euro medi mensili di aumento sullo stipendio tabellare per tutto il personale del Comparto, in coerenza con i contenuti dell’Accordo del 30 novembre 2016, come condizione di salvaguardia delle fasce più basse che si addensano numerose nei settori dell’Istruzione e Ricerca. Su questo punto i sindacati chiedono le dovute garanzie al Governo per assicurare al comparto un aumento medio mensile di 85 euro, senza alcuna diminuzione. “Sulle partite economiche – rilanciano i segretari generali – chiediamo certezza e trasparenza e riconfermiamo la richiesta di risorse aggiuntive per recuperare la perdita stipendiale dopo otto anni di vuoto contrattuale che ha colpito più di tutti il nostro settore, indispensabili per valorizzare l’impegno e la professionalità di docenti, educatori, Ata, ricercatori, tecnici e amministrativi, riducendo il gap stipendiale esistente sia all’interno del Pubblico Impiego che nel confronto con gli stipendi dei colleghi europei”. Un terzo punto fermo riguarda la riconduzione al contratto di materie come l’organizzazione del lavoro, il salario accessorio, le sanzioni disciplinari, la formazione e la determinazione dei periodi di prova. “Dopo otto anni di attesa – proseguono Francesco Sinopoli, Maddalena Gissi, Giuseppe Turi e Elvira Serafini – i lavoratori non possono tollerare questa ‘melina’ e nemmeno i giochi a carte coperte. In mancanza di risposte convincenti e immediate la reazione della categoria non si farà attendere, continuando e se necessario inasprendo le iniziative di mobilitazione”. In questa prospettiva, già nei prossimi giorni saranno attivate le procedure obbligatorie previste dalla legge per il raffreddamento dei conflitti. Da parte dei sindacati non c’è alcuna disponibilità, dopo anni di attesa e di rivendicazioni, ad accettare un contratto al ribasso. “Esigiamo un riconoscimento concreto delle professionalità del nostro settore – concludono i segretari generali – attraverso un contratto che restituisca loro dignità e valore, che sia strumento di regolazione di crescita della qualità in tutti i settori della conoscenza e di coesione tra tutte le categorie dei lavoratori di scuola, università, ricerca e Afam. Il tempo dei tentennamenti e delle tattiche di dilatorie, è abbondantemente scaduto: è urgente procedere senza dubbi e incertezze all’attribuzione delle risorse necessarie per una positiva chiusura del confronto negoziale.

Altri articoli...

  1. NUOVA DIRETTIVA TRIENNALE SULLA VALUTAZIONE DEL SISTEMA IN ATTUAZIONE DEL DECRETO 80/2013
  2. ALTERNANZA "ETICA" SCUOLA LAVORO NELLA UIL
  3. MANIFESTO PER LA SCUOLA: IL VIDEO DI BARBIANA
  4. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: PROTOCOLO D'INTESA MIUR UIL
  5. ILLEGITTIMA L'ESCLUSIONE DEI DOCENTI DI RUOLO DALLE PROCEDURE CONCORSUALI
  6. CONTRATTO SCUOLA. LA DENUNCIA DELLA UIL SCUOLA
  7. CONGRESSO REGIONALE: ASSEMBLEA DEGLI ISCRITTI
  8. IL 14 DICEMBRE ASSEMBLEA PUBBLICA DELLA SCUOLA DAVANTI MONTECITORIO
  9. MOBILITA': NEL CONFRONTO CON IL MIUR POSIZIONI ANCORA DISTANTI
  10. PROBLEMATICHE ATA: IL CONFRONTO DA QUALCHE FRUTTO MA SERVE IMPEGNO SERIO DA PARTE DEL MIUR
  11. MOBILITA': URGENTE UN CONTRATTO PONTE
  12. 2° INCONTRO PER NEO ASSUNTI: LA DATA VERRA' COMUNICATA
  13. BANDO CONCORSO DIRIGENTI SCOLASTICI: NOTA DI LETTURA
  14. DAL MANIFESTO PER UNA SCUOLA APERTA A TUTTI AL RINNOVO DEL CONTRATTAO
  15. PACCHETTO RECUPERO 24 CFU. CONVENZIONE UNIPEGASO
  16. DECRETO PENSIONAMENTO 2018
  17. CONCORSO DIRIGENTE SCOLASTICO: IL BANDO
  18. ART.59 DEL CONTRATTO: LE SUPPLENZE ATA FINO AD AVENTE DIRITTO VERRANNO TRASFORMATE IN ANNUALI
  19. MANIFESTO PER LA SCUOLA CHE VOGLIAMO: FIRMA ANCHE TU
  20. PRESCRIZIONE QINQUENNALE DEI CONTRIBUTI INPS: NON SI APPLICA AI DIPENDENTI DELLA SCUOLA
  21. VERSO IL NEGOZIATO CONTRATTUALE. CONVOCAZIONE ALL'ARAN IL 9 NOVEMBRE
  22. RINNOVO DEL CONTRATTO: ASSEMBLEE TERRITORIALI UNITARIE
  23. EMANATO L'ATTO DI INDIRIZZO PER IL NUOVO CONTRATTO DELLA SCUOLA
  24. VIGILANZA DEGLI ALUNNI: LA SCHEDA UIL SCUOLA E I MATERIALI DI APPROFONDIMENTO
  25. NEOASSUNTI: INCONTRO PER ANNO DI PROVA 6 NOVEMBRE ORE 15,00 I.C. FROSINONE 1°
  26. NUOVA OFFERTA FORMATIVA IRASE FROSINONE 2017/2018
  27. OFFERTA FORMATIVA IRSAF-UNITELMA LA SAPIENZA
  28. INCONTRI AL MIUR SU ADEGUAMENTI PTOF
  29. 24 CFU: CONVENZIONE IRASE - UNIPEGASO PER IL CONSEGUIMENTO. OFFERTA ANCHE PER IL RECUPERO DEGLI ESAMI SINGOLI
  30. FORMAZIONE DEL PERSONALE SCOLASTICO: FACCIAMO IL PUNTO CON I CHIARIMENTI NECESSARI
  31. INCURSIONE DEL MIUR SULLA PROGETTUALITA' FORMATIVA NELLE SCUOLE
  32. RINNOVO DEL CONTRATTO: LA PAZIENZA E' FINITA
  33. FIS: TUTTI PARAMENTRI PER CALCOLARE LE RISORSE DELLE SINGOLE SCUOLE
  34. ATA: SBLOCCATA UNA DIFFICILE VERTENZA
  35. PREVIDENZA E RICOSTRUZIONE DI CARRIERA
  36. LICEI MUSICALI: PER LA UIL SUPERFICIALE E SBAGLIATA LA RIDUZIONE DI ORE OPERATA DAL MINISTRO
  37. DECRETO PER IL SERVIZIO INTEGRATO DEI BAMBINI DA 0 A 6 ANNI
  38. GAE ESAURITE IN PROVINCIA DI FROSINONE
  39. COME FUNZIONERA' IL FIT. FORMAZIONE INIZIALE E RECLUTAMENTO. I CFU
  40. RICOSTRUZIONE DI CARRIERA: NUOVE MODALITA' DI GESTIONE DELLE DOMANDE
  41. INCARICHI DI REGGENZA 2017/18 PROVINCIA DI FROSINONE
  42. DATI EURSTAT: IN ISTRUZIONE SPENDIAMO LA META' DI GERMANIA E FRANCIA
  43. INCARICHI DI DIRIGENZA SCOLASTICA PROVINCIA DI FROSINONE
  44. VACCINAZIONI DEL PERSONALE SCOLASTICO: INAPPLICABILI LE DISPOSIZIONI
  45. CHIARIMENTI APE SOCIAL
  46. RISULTATI PROVE INVALSI 2017: L'ANALISI STANDARDIZZATA NON LEGGE LA COMPLESSITA' DEL NOSTRO SISTEMA D'ISTRUZIONE
  47. ASSEGNAZIONI PROVVISORIE E UTILIZZAZIONI: SCHEDA TECNICA E VADEMECUM OPERATIVO
  48. SCUOLA SECONDARIA DI II GRADO: POSSIBILE COSTITUIRE COE ANCHE TRA AMBITI DIVERSI
  49. RUOLO, FUNZIONE E PRESTIGIO: PAROLE CHIAVE PER APRIRE UN NUOVO DIALOGO CON GLI INSEGNANTI
  50. MOVIMENTI SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
  51. DOTAZIONI ORGANICHE ATA: LA UIL CHIEDE GARANZIE PER I LAVORATORI E CERTEZZA PER LE SCUOLE
  52. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE. FISSATE LE DATE
  53. PASSAGGI DA AMBITO A SCUOLA DOCENTI TRASFERITI SU AMBITO. ASSUNZIONI IN RUOLO: ISTRUZIONI OPERATIVE
  54. CONTRATTO: PARTITO OGGI IL CONFRONTO ALL'ARAN
  55. TURI: TORNARE AD INVESTIRE NELLA SCUOLA PUBBLICA. ATTENZIONE ALLE DERIVE PRIVATISTICHE PRONTE A FARE BUSINESS CON L'ISTRUZIONE
  56. GRADUATORIE D'ISTITUTO: PROROGA VALUTAZIONE PER LE SCUOLE E DIFFERIMENTO MODELLO B
  57. L'ALTERNANZA ETICA: AL VIA L'INDAGINE UIL SCUOLA SU ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
  58. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE: FIRMATO IL CONTRATTO
  59. DACIA MARAINI: LA SCUOLA SOPRAVVIVE GRAZIE AI PROF MOTIVATI
  60. MOVIMENTI SCUOLA DELL'INFANZIA
  61. GRADUATORIE D'ISTITUTO: LE FAQ UFFICIALI DEL MIUR
  62. RIUNIONE MINISTRO - SINDACATI SU ATTO DI INDIRIZZO. VALORIZZARE LA FUNZIONE DOCENTE E' LA VERA SFIDA DEL NUOVO CONTRATTO
  63. GAE: AGGIORNAMENTO ESCLUSIVAMENTE PER MOTIVI SPECIFICI. SCADENZA L'8 LUGLIO
  64. PUBBLICATI I MOVIMENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA PER A.S. 2017/18
  65. UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE: NON CI POSSONO ESSERE RESTRIZIONI PER NESSUNO
  66. CHIARIMENTI SU APE SOCIALE IN RELAZIONE ALLE MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
  67. AVVISO DATA DI POSTICIPO MOVIMENTI SCUOLA PRIMARIA
  68. FAQ AGGIORNAMENTO GRADUATORIE D'ISTITUTO
  69. FORMAZIONE E PIATTAFORMA SOFIA
  70. PROSPETTI DISPONIBILITA' PER LA MOBILITA' PROFESSIONALE NEI LICEI MUSICALI
  71. AGGIORNAMENTO E INSERIMENTO GRADUATORIE D'ISTITUTO II E III FASCIA
  72. AGGIORNAMENTO GRADUATORIE DOCENTI DI II E III FASCIA
  73. INFORMATIVA SUGLI ORGANICI PROVINCIA DI FROSINONE
  74. BONUS 500 EURO: SI POTRANNO CUMULARE LE MANCATE SPESE DEL CORRENTE ANNO CON QUELLE DELL'ANNO PROSSIMO
  75. CALENDARIO SCOLASTICO DEL LAZIO 2017/18
  76. ESECUTIVO NAZIONALE UIL SCUOLA: LA PRIORITA' E' IL RINNOVO DEL CONTRATTO
  77. CORSI EIPASS E LIM PER ISCRITTI UIL SCUOLA
  78. DECRETI LEGISLATIVI EX LEGGE 107
  79. LICEI MUSICALI: ESITO INCONTRO MIUR
  80. ENTRA NELLA FASE CRUCIALE TUTTA LA PARTITA DELLA DETERMINAZIONE DEGLI ORGANICI
  81. CONVEGNO "RIFUGIATI E MIGRANTI L'INCLUSIONE SCOLASTICA POSSIBILE"
  82. LINEE GUIDA UNITARIE PER L'APPLICAZIONE DEL CCNI RIGUARDANTE L'ASSEGNAZIONE ALLE SCUOLE DEI DOCENTI TITOLARI SU AMBITO
  83. BENE 52.000 ASSUNZIONI MA SI POTEVA FARE DI PIU'
  84. DENUNCIA UIL: DUE MAESTRE VINCONO UN PREMIO CON LA LORO CLASSE MA NON POSSONO ANDARE A RITIRARLO
  85. CONVENZIONE UIL SCUOLA DIMENSIONE RIPOSO FIUGGI. SCONTI DEL 30% ISCRITTI UIL SCUOLA
  86. ASSUNZIONI: 52.000 IN CATTEDRA DAL 1 SETTEMBRE. SCIOLTO IL NODO CON IL MEF
  87. MOBILITÀ: IL MIUR DECIDE DI NON DECIDERE E RIMANDA IL PROBLEMA
  88. CHIAMATA DIRETTA: INTERVISTA A D'APRILE SU ORIZZONTE SCUOLA "CONTRATTO RICONSEGNA POTERI AI COLLEGI DOCENTI"
  89. SOGGIORNO DI STUDO YAD VASHEM 2017
  90. INACCETTABILE IPOTESI MIUR SU ORGANICO A RATE
  91. MOBILITA' ATA: MODIFICA DEI TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
  92. GRADUATORIE ATA 1 E 2 FASCIA: FISSATE LE DATE PER LA SCELTA DELLE SCUOLA
  93. PERSONALE EDUCATIVO: INCONTRO DELLA UIL SCUOLA CON IL DIRETTORE GENERALE PALUMBO
  94. RISORSE ALLA SCUOLA: QUANDO LA BUROCRAZIA SOFFOCA LA SCUOLA
  95. CONFERENZA DI ORGANIZZAZIONE UIL SCUOLA: LE VIDEO INTERVISTE. LA TAVOLA ROTONDA CON TURI, BARBAGALLO E IL MINISTRO FEDELI
  96. CONFERENZA DI ORGANIZZAZIONE UIL SCUOLA: UN PASSO DECISIVO VERSO IL CAMBIAMENTO E VERSO LA MODERNITÀ
  97. RAGIONERIA AMMETTE: PERSONALE DELLA SCUOLA PIU' POVERO TRA GLI STATALI
  98. RICHIESTA INCONTRO SU FINANZIAMENTO ALLE SCUOLE
  99. MOBILITÀ DOCENTI E PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA: LA SCHEDA UIL SCUOLA
  100. MOBILITA' 2017/18: IL VADEMECUM UIL SCUOLA PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
  101. TFA SOSTEGNO: LE PROVE IL 25 E 26 MAGGIO
  102. MOBILITÀ 2017/18: IL CONTRATTO E LA SCHEDA DI DETTAGLIO
  103. ASSUNZIONI DOCENTI: NECESSARI 25.000 POSTI PER EVITARE GLI STESSI ERRORI DELLO SCORSO ANNO
  104. FIRMATO CONTRATTO SULLA MOBILITA' CONGIUNTAMENTE AL PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA. LE DATE
  105. 730/2017 GRATUITO PER GLI ISCRITTI UIL SCUOLA
  106. DECRETI ATTUATIVI LEGGE 107: LA NOSTRA VALUTAZIONE È LEGATA ALLA RICADUTA SULLE PERSONE
  107. DALLA PARTE DEGLI ATA: NUOVO INCONTRO AL MIUR
  108. PRONTI ALLA MOBILITAZIONE PER USCIRE DA UN'IMPASSE INSOSTENIBILE
  109. DOCENTI: POSSIBILI 25.000 ASSUNZIONI MA IL MEF TEMPOREGGIA E NON DECIDE
  110. PROGETTAZIONE DEI PON: IL SUPPORTO DI IRASE FROSINONE ALLE SCUOLE
  111. PER L'OCSE ORA LA SCUOLA ITALIANA E' QUELLA BRAVA E INCLUSIVA
  112. MOBILITA' SI ALLUNGANO I TEMPI PER LA SOTTOSCRIZIONE
  113. MOBILITA' FERMA. TURI: COLPA DI UNA POLITICA RAGIONIERISTICA
  114. GRADUATORIE D'ISTITUTO DOCENTI E ATA. A FINE APRILE LA PUBBLICAZIONE DEI DECRETI
  115. TFA SOSTEGNO: CORSO DI PREPARAZIONE ON LINE
  116. RETI DI AMBITO: IMPOSTE DALL'ALTO SEBBENE NON OBBLIGATORIE
  117. VERTENZA MOBILITÀ DOCENTI 2016/17: IL GIUDICE ORDINA AL MIUR DI RILASCIARE L'ALGORITMO
  118. INCONTRI AL MIUR: AGGIORNIAMO SU LE TEMATICHE AFFRONTATE
  119. TURI: SOLDI ALLE PRIVATE. OGNI VOLTA UN NUOVO ANNUNCIO
  120. NUOVO SISTEMA DI RECLUTAMENTO SCUOLA SECONDARIA: APPROVATO IL PARERE DELLA VII COMMISSIONE CULTURA DELLA CAMERA
  121. TFA SOSTEGNO: SOSPESA L'EMANAZIONE DEI BANDI E RINVIATE LE DATE DELLE PROVE D'ACCESSO
  122. TFA SOSTEGNO: PROVE SELETTIVE IL 19 E 20 APRILE
  123. DALLA PARTE DEGLI ATA. OGGI L'ATTIVO NAZIONALE A ROMA
  124. ATA 24 MESI: I BANDI DEL LAZIO PER A.S. 2017-2018
  125. ESAMI DI STATO 2017: APERTE LE FUNZIONI PER PRESENTARE LA DOMANDA DI PRESIDENTE E COMMISSARIO ESTERNO
  126. DOCENTI: LE DOMANDE DI PENSIONAMENTO PER GRADI DI SCUOLA E CLASSI DI CONCORSO
  127. ATA: LE DOMANDE DI PENSIONAMENTO IN PROVINCIA DI FROSINONE
  128. ATA 24 MESI: MODELLI DI DOMANDA
  129. DOMANDA DI PART TIME: RICORDIAMO CHE LA SCADENZA È IL 15 MARZO
  130. INCONTRO AL MIUR SULLA MOBILITÀ: PASSAGGIO DA AMBITO A SCUOLA OCCORRE ANCORA UN PASSAGGIO DI CHIARIMENTO POLITICO
  131. CORSI EIPASS E LIM APERTE LE ISCRIZIONI
  132. RINNOVARE LA PASSWORD SU ISTANZE ON LINE
  133. ATA 24 MESI: ENTRO IL 20 MARZO I BANDI REGIONALI
  134. TRATTENUTA ENAM: LA PROPOSTA DELLA UIL SCUOLA È QUELLA DI DESTINARLA ALLA PREVIDENZA INTEGRATIVA
  135. 6 e 7 MARZO CONVEGNO INTERNAZIONALE PATROCINATO DA IRASE FROSINONE
  136. BANDO INPSINSIEME 2017: UN OPPORTUNITÀ PER I FIGLI DEGLI ISCRITTI UIL SCUOLA
  137. CORSO PER CERTIFICAZIONE COMPETENZE INFORMATICHE: EIPAS (PATENTE EUROPEA) E EIPASS + LIM
  138. ALTERNANZA SCUOLA LAVORO: CHIARIMENTI INTERPRETATIVI
  139. BONUS FORMAZIONE DOCENTE: DALLA CARD ALL'APP TUTTO QUELLO CHE C'È DA SAPERE
  140. RAPPORTO UE SULL'ISTRUZIONE
  141. LA SCUOLA A PROVA DI PRIVACY: LA GUIDA DEL GARANTE
  142. PROGETTI PON: PROGETTI DI INCLUSIONE E LOTTA AL DISAGIO E PER GARANTIRE L'APERTURA OLTRE L'ORARIO DI SCUOLA
  143. DIRITTO ALLO STUDIO 2017. IL MODELLO DI DOMANDA
  144. CORSO DI INGLESE CERTIFICAZIONE LCCI B1 E B2
  145. OSSERVAZIONI UIL SCUOLA SULL'UTILIZZO FUNZIONALE DELL'ORGANICO DELL'AUTONOMIA
  146. IRASE FROSINONE: OFFERTA FORMATIVA PER LE SCUOLE
  147. EURYDICE 2016/SCUOLA: DECOLLANO I SALARI IN TUTTA EUROPA. SOLO L'ITALIA RESTA AL PALO
  148. PREVIDENZA: ANALISI E COMMENTO VERBALE SIGLATO DAL GOVERNO E SINDACATI
  149. ORGANICO DELL'AUTONOMIA: LA SCHEDA DI DETTAGLIO DELLA UIL SCUOLA
  150. 36 MESI E SUPPLENZE: IL CALCOLO SI FA DA SETTEMBRE 2016
  151. CHIAMATA DIRETTA: LA UIL PER RICORSO LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE
  152. CORSO DI FORMAZIONE DI IRASE: PSICOLOGIA DEI PROCESSI COMUNICATIVI E RELAZIONALI
  153. PASSAGGIO DEI DOCENTI DA AMBITO A SCUOLE: LE INDICAZIONI OPERATIVE DEL MIUR
  154. RICONOSCIUTO DAL TRIBUNALE DI FROSINONE IL TRASFERIMENTO INTERPROVINCIALE PER ASSISTENZA AL GENITORE (L. 104) CON HANDICAP GRAVE
  155. BONUS DOCENTI: INVITO UNITARIO AI DIRIGENTI PER UN'INTESA
  156. CORSO PER CERTIFICAZIONE COMPETENZE INFORMATICHE: EIPAS E LIM
  157. LINEE UNITARIE DI ORIENTAMENTO PER IL CORRETTO UTILIZZO DELL'ORGANICO PER IL POTENZIAMENTO
  158. EDUCAZIONE ALIMENTARE: CORSO DI FORMAZIONE GRATUITO PER DOCENTI
  159. DOCUMENTO DI FORTE CRITICA ALL'OPERATO DELL'USR E DEL SUO DIRETTORE
  160. UNA GRANDE AFFERMAZIONE DELLA UIL SCUOLA ALLE ELEZIONI RSU
  161. REINSERIMENTO IN GAE: ACCOLTO CON SENTENZA IL RICORSO DELLA UIL SCUOLA DI FROSINONE
  162. ELETTO IL NUOVO SEGRETARIO GENERALE DELLA UIL SCUOLA DI FROSINONE

Informazioni aggiuntive